Quarantena, Speranza: “Vaccinati non andranno più in Dad”

Nella scuola dell’infanzia si va in Dad con 5 casi, nella primaria si va in Dad con 5 casi ma ci vanno solo i non vaccinati, nella secondaria dopo 2 casi vanno in Dad solo i non vaccinati

I ministri Bianchi e Speranza spiegano in conferenza stampa le nuove norme che verranno applicate per la quarantena a scuola. Con il calo dei ricoveri delle ultime settimane, ha detto Speranza, “siamo in una fase e in un tempo nuovo. Le scelte che abbiamo compiuto sono molto rilevanti”. E ha annunciato: “Questa è un fase diversa, quindi abbiamo deciso che i vaccinati non andranno più in Dad e nei pochi casi di Dad questa durerà 5 giorni rispetto ai 10 attuali”.

I cambiamenti, ha spiegato, riguardano tutti i gradi della scuola: nella scuola dell’infanzia si va in Dad con 5 casi, nella primaria si va in Dad con 5 casi ma ci vanno solo i non vaccinati, nella secondaria dopo 2 casi vanno in Dad solo i non vaccinati. “Per la scuola, il nuovo modello può prevedere anche il tampone fai da te. Lavoriamo a un investimento su questo, perche i tamponi in autotesting possono essere uno strumento utile”, ha evidenziato. 

“Abbiamo l’81,3% degli alunni in presenza, il 92% dei docenti e il 93,2% del personale tecnico amministrativo”, ha detto il ministro Patrizio Bianchi. “Stiamo marciando verso una nuova normalità con tutta la cautela che ci deve essere, perché il virus c’è ancora ed è significativamente presente, sia nelle scuole che nelle nostre vite”, ha aggiunto. Sulle nuove regole che distinguono tra studenti vaccinati e non, ha sottolineato: “Introdurre l’opportunità per i vaccinati di restare a scuola e non per i non vaccinati non è assolutamente un tentativo di discriminazione da parte del governo. È invece una indicazione di marcia per il riconoscimento di quelle famiglie che hanno fatto questa scelta.

Leggi anche:

Total
19
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti in piazza contro la Maturità di Bianchi. Biancuzzi (Rete studenti medi): "No agli scritti dopo oltre due anni di pandemia"

Next Article

Morte Lorenzo, Bianchi difende l'alternanza scuola-lavoro: "Fa parte di un percorso educativo". I presidi contro gli studenti: "Manifestazioni sbagliate"

Related Posts
Leggi di più

Bloccò spettacolo sull’Olocausto, il prof negazionista ora rischia la sospensione

Il ministro dell'istruzione, Giuseppe Valditara, ha annunciato la linea dura sul caso del docente di diritto dell'Itis "Curie Sraffa" di Milano che nei giorni scorsi aveva interrotto uno spettacolo teatrale sulla Shoah. "Il negazionismo è incompatibile con qualsiasi ruolo pubblico, ancor peggio nei luoghi deputati all’educazione dei giovani".