Palermo, crolla tetto a scuola. Gli studenti furiosi: “E’ emergenza nazionale”

palermo

Il tetto che crolla, pezzi di solaio caduti sugli studenti: sono 4 al momento gli studenti feriti in una scuola di Palermo, dove si è verificato un crollo dell’intonaco in una classe dell’istituto di via Bragaglia. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e le forze dell’ordine.

“Nel nostro Paese più di una scuola su due non è a norma. E’ uno scandalo, un emergenza nazionale – commenta Daniele Lanni, Portavoce Nazionale della Rete degli Studenti Medi. Anche questa volta abbiamo sfiorato la tragedia. Troppo spesso sentiamo notizie come questa, e non siamo più disposti ad aspettare l’ennesima tragedia. Si intervenga immediatmente”.

Continua Lanni: “La situazione è insostenibile. Lo diciamo da anni: non si può avere paura di andare a scuola. Chiediamo da anni che venga completata l’anagrafe nazionale degli istituti scolastici, così da avere un quadro chiaro e che ci si muova subito per rimettere in sesto gli edifici che non sono a norma. Non si può più attendere”.

Conclude il Portavoce della Rete degli Studenti Medi: “Esprimiamo la nostra vicinanza alle famiglie degli studenti feriti. Mentre la discussione nel Paese sembra guardare altrove, chiediamo invece che si pensi ai veri problemi del Paese, a partire dal mondo dell’Istruzione e dalla sicurezza nelle Scuole”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli Atenei del Sud e la scarsa attenzione mediatica: "Esistiamo anche noi"

Next Article

BCE - Tasso di disoccupazione giovanile in Europa raddoppiato negli anni della crisi

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.