BCE – Tasso di disoccupazione giovanile in Europa raddoppiato negli anni della crisi

disoccupazione giovanile bce

La Banca Centrale Europea ha diffuso il bollettino statistico di Febbraio sullo stato dell’occupazione nei paesi dell’Euro Zona. Negli anni della crisi, la percentuale di disoccupazione giovanile è praticamente raddoppiata, passando da circa il 20% nell 2007 fino a toccare oltre il 40% nel 2013.

Ma il problema non riguarda solo il nostro Paese: stando ai dati forniti dalla Bce, infatti, tutti i Paesi europei, ad oggi, registrano un tasso di disoccupazione giovanile (ragazzi tra i 15 e i 24) superiore rispetto a prima dell’inizio della crisi economica.

A condividere con noi la tragedia di un raddoppio del tasso di giovani senza lavoro sono anche Grecia, Spagna, Portogallo, Cipro, Irlanda e Belgio. Complessivamente in Europa il tasso di disoccupazione giovanile era pari al 15% nel 2007 mentre oggi è al 27%. Dato in controtendenza solo per tre paesi: Germania, Austria e Malta.

Ancora il rapporto BCE spiega che a trovare lavoro con maggiore difficoltà sono i giovani che non hanno conseguito il titolo di studio secondario superiore, per i quali il tasso di disoccupazione è cresciuto, in proporzione, molto di più rispetto a quello relativo ai giovani con un diploma di scuola secondaria o una laurea.

A rimpolpare le fila dei disoccupati sono spesso i giovani che, prima della crisi, avevano un contratto a tempo determinato, mentre il numero di coloro con un contratto a tempo indeterminato è rimasto sostanzialmente lo stesso.

Dato negativo, infine, anche per quel che riguarda gli “sfiduciati” (disoccupati che non cercano lavoro perché convinti di non riuscire a trovarlo) che, se in Europa crescono, in media del 3% l’anno, in Italia aumentano del 6%.

Dati BCE - Aumento del tasso di disoccupazione giovanile in alcuni Paesi europei tra il 2007 e il 2013 - Elaborazione grafica a cura di Pierluigi Tolot - Fonte: Panorama.it

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Palermo, crolla tetto a scuola. Gli studenti furiosi: "E' emergenza nazionale"

Next Article

E' nata una stella (nucleare): riuscito negli Stati Uniti test sulla fusione

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).