Gli Atenei del Sud e la scarsa attenzione mediatica: “Esistiamo anche noi”

atenei del sud

“I problemi del Mezzogiorno non trovano ancora un’adeguata percezione nelle linee programmatiche del governo: in questo senso, stringere le Università del Sud nei lacci della burocrazia e poi immobilizzarle con i tagli e con la costante perdita dei fondi significa sottrarre a un Meridione sempre più in difficoltà un presidio di legalità, di cultura e di crescita”.

E’ questo uno dei passaggi principali dell’intervento che il Rettore dell’Ateneo lucano, Mauro Fiorentino, porterà a Milano il 14 febbraio, nel corso dell’incontro dal titolo “Crescere con la buona politica”.

“Oggi manca – secondo Fiorentino – una mediazione politica attenta che, unica, può ricondurre a una piena osservanza dei principi costituzionali di sussidiarietà e uguaglianza, e al rilancio del fondamentale ruolo di presidio culturale e della legalità che le Università svolgono nelle aree più difficili del Paese”.

Per il Rettore dell’Ateneo lucano, inoltre, “è impensabile anche solo ipotizzare che gli Atenei possano recuperare fondi tassando gli studenti: la nostra Università ha una tassazione tra le più basse del Paese, e siamo intenzionati, fin quando possibile, a non gravare ancor di più sul budget delle famiglie che in questo particolare momento storico affrontano sacrifici indicibili per permettere ai loro figli di avere un futuro migliore: per questo motivo siamo convinti che la politica, quella con la ‘p’ maiuscola, debba concentrare i suoi sforzi sul futuro dei suoi giovani, invertendo tendenze che oggi penalizzano gli studenti, perché questo è uno degli investimenti che un Paese civile, che cerca il rilancio della sua immagine, non può mettere da parte o rimandare. Prendendo in prestito un aforisma di Steve Jobs (“Investire nella pubblicità in tempo di crisi è come costruirsi le ali mentre gli altri precipitano”), forse anche abusato di questi tempi, noi sosteniamo che investire nella ricerca e nell’istruzione, in tempo di crisi, significa donare le ali ai nostri giovani in un mondo che rischia di precipitare”.

L’incontro si svolgerà a Milano, alle ore 18, in via San Maurilio 21: è prevista la partecipazione, tra gli altri, del Rettore dell’Università degli Studi di Milano, Gianluca Vago, dell’europarlamentare Giuseppe Gargani, del professore di Storia contemporanea nell’Università della Valle d’Aosta, Paolo Gheda, del presidente del Centro Internazionale Studi Luigi Sturzo, Gaspare Sturzo, del Prefetto Achille Serra, dei direttori generale e sanitario del Policlinico di Milano, Luigi Macchi e Anna Pavan, e del docente del Politecnico di Milano, Oliviero Tronconi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'EPISODIO - Ancona, l'insegnante la chiama "cicciona napoletana". Lei non mangia per 10 giorni

Next Article

Palermo, crolla tetto a scuola. Gli studenti furiosi: "E' emergenza nazionale"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".