Olimpiadi delle Neuroscienze, per la prima volta anche la Sardegna in gara

neuroscienze

Per la prima volta la Sardegna parteciperà alle Olimpiadi delle Neuroscienze, la competizione internazionale che mette alla prova su tre livelli studenti delle scuole medie superiori (dai 13 ai 19 anni) sul grado di conoscenza nel campo delle Neuroscienze. L’iniziativa, tra l’altro, costituisce la fase locale della “International Brain Bee”, in cui ragazzi e ragazze di tutto il mondo si confrontano per stabilire chi ha il “miglior cervello” su argomenti come l’intelligenza, la memoria, le emozioni, lo stress, l’invecchiamento, il sonno e le malattie del sistema nervoso.

Le selezioni regionali avranno luogo il 23 e il 25 marzo nella Cittadella Universitaria di Monserrato e vedranno a confronto i 5 migliori studenti di ogni scuola. I tre migliori studenti di ogni competizione regionale parteciperanno quindi alla fase nazionale (Trento, 19-21 aprile 2013) durante la quale verrà individuato il vincitore nazionale. Quest’ultimo riceverà una borsa di studio per rappresentare l’Italia alla competizione internazionale, che si svolgerà a Vienna, Austria (21-26 settembre 2013), in occasione del World Congress of Neurology

Scopo principale della competizione è diffondere fra i giovani l’interesse per le Neuroscienze, accrescendo la loro consapevolezza nei confronti della parte più “nobile” del loro corpo, il cervello, e la sensibilità alla propria salute nell’interesse della società in cui vivono e vivranno.

Nonostante la manifestazione sia giunta alla sua quarta edizione, la Sardegna vi partecipa quest’anno per la prima volta – scrive il sito dell’Università di Cagliari – , grazie alla disponibilità di due ricercatrici dell’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Anna Lisa Muntoni e Liana Fattore.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fuorisede, stop all'assistenza medica. E' bagarre all'Alma Mater

Next Article

Ancona, studentessa morta in un incidente, sì alla donazione degli organi

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".