L’Emilia-Romagna a caccia di 715 profili: al via i concorsi per lavorare in Regione

Dodici nuovi concorsi al via in Emilia Romagna, per un totale di 715 posti di lavoro che verranno assegnati nei prossimi mesi.

Nuove assunzioni in Emilia Romagna. La Regione, insieme ad Agenzie regionali e Comuni, ha varato 12 nuovi concorsi pubblici per un totale di 715 nuovi posti disponibili. Le iscrizioni si chiuderanno venerdì 11 giugno alle ore 13 e in breve ci saranno le prime prove, così da iniziare gli inserimenti per ottobre 2021.

Di questi 12, 9 concorsi saranno interamente digitali, ossia le prove scritte avverranno a distanza. I candidati dovranno quindi fornirsi di Pec e Spid e avviare la procedura d’iscrizione nel portale.

Secondo una stima, gli iscritti totali saranno circa 20mila. Uno sforzo che consentirà alla Regione Emilia-Romagna di proseguire il proprio processo di rinnovamento dell’organico, di valorizzazione della carriera e di superamento del precariato, con 300 nuovi ingressi per quest’anno che vanno ad aggiungersi alle 530 assunzioni già realizzate da gennaio 2021, portando di fatto a oltre un terzo di nuovi dipendenti complessivi.

Ecco le posizioni:

154 posti come Agente di Polizia locale per 60 Comuni, Unioni e Province.

81 posti come Commissario alla ricostruzione con profilo amministrativo-contabile, 96 per il profilo tecnico. Entrambi di categoria D, per diplomati.

43 posti, sempre come Commissario alla ricostruzione, profilo amministrativo-contabile e 90 per quello tecnico, entrambi di categoria D ma per laureati. 

25 posti per profili filosanitari con contratti di formazione del lavoro, riservato agli under 32.

99 posti come amministrativo contabile, categoria C.

42 posti per un profilo tecnico progettista in campo ambientale, categoria C.

14 posti nel campo agro-forestale di categoria C.

Gli ultimi 3 bandi sono invece per le progressioni di carriera tra l’area B e C. Sono messi a bando 50 posti di categoria C con profilo amministrativo contabile, 16 per un profilo tecnico progettista in campo ambientale di categoria C e lo stesso per altri 5 posti, ma in campo agro-forestale.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Identikit dei giovani italiani: la Gen Z

Next Article

Con le pinne, fucile e vaccino: iniezioni dai 12 ai 15 anni in estate, per una scuola sicura

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.