Nuda insieme ai suoi due figlioletti: la foto di Anastasia censurata da Facebook

foto di anastacia

Anastasia Chernyavsky è diventata in poche ore la fotografa più nota sul web. A scatenare l’interesse degli internauti è stata la censura di Facebook ad un suo scatto.

La donna si è fotografata completamente nuda insieme ai suoi due figlioletti. Ha il seno sporco di latte e una Rolleiflex al collo.
Ma evidentemente il suo scatto artistico è stato giudicato “scabroso” ed è stato rimosso immediatamente.

La fotografa, però, si è difesa: “Sono abituata al pensiero della massa distorto sulle foto di nudo con donne e bambini. Io credo che se qualcuno ci vede qualcosa di sporco nelle mie foto, lo è la sua percezione, non la mia fotografia. Se non si riconosce ciò che è arte, da ciò che non è, non è certo colpa mia.”

Il blog “Buulb” ha pubblicato la fotografia, senza effettuare alcun tipo di censura e senza sfocare le parti relative al nudo.
E ha scritto: “C’è chi ha detto che il luogo adatto ad uno scatto di questo genere sarebbe lo spazio chiuso di una galleria d’arte – dove si paga un biglietto per scegliere consapevolmente di vederlo – e non invece lo spazio aperto del web. Ad una mostra sì, sul web no perché qualcuno potrebbe “inciamparvi” casualmente e la sua sensibilità potrebbe esserne irrimediabilmente urtata. Una foto troppo forte da essere digerita: ecco dunque la diagnosi definitiva, davanti alla quale abbiamo il sacrosanto diritto di sentirci disorientati. Disorientati, sì, perché siamo costantemente bombardati – anche e soprattutto nel regno di Zuckeberg – da immagini di corpi nudi o seminudi in pose che sono oggettivamente (e lo dico senza moralismi) volgari: la famosa “farfallina” di Belen, i seni di Sara Tommasi, e potremmo aggiungerne ancora una infinità”.

Leggi in esclusiva l‘intervista che abbiamo realizzato ad Anastasia!

 

AZ

 

Total
0
Shares
88 comments
  1. Semplicemente SPLENDIDA. E’ la vita nella sua vera essenza che l’uomo non sa più apprezzare. Gli occhi intelligenti, l’animo candido dell’uomo bambino vedono in questa foto una ORCHIDEA FIORITA. A parte come dicono ARTE. E’ un vero INNO alla vita senza parole. L’arte è un dono e non si dovrebbe vendere. Grande questa donna e questa mamma, dona al mondo un esempio di amore, un simbolo da mettere davanti a tutte le guerre. Un simbolo che tutti i capi di stati devono tenere presente. La vita, la terra, sta tutto in questa foto. Grazie ANASTASIA. Sei una primavera di sole e di colore. Con amore e con democrazia. Peter Pam.

  2. la foto è semplicemente unica e stupenda, peccato che ci sono persone che la vedono con gli occhi di quello che è e persone che invece la useranno per fare altro, per questo non condivido il fatto che sia resa pubblica….

  3. La foto è bellissima ma le regole sono regole, se l’avesse caricata in un sito dove non ci sono problemi a mettere foto di nudo, non ci sarebbe stato nessuno scalpore, una mossa astuta per far parlare di sè insomma.

  4. Mi chiedo sempre cosa intendano con sensibilità.
    E’ una foto molto bella, veritiera e spontanea che descrive alla perfezione il ruolo di madre, quella madre che fin da bambini ci ha abituati alla bellezza del corpo.
    Abbiamo un’idea talmente distorta che non distinguiamo più tra bellezza e volgarità.

  5. Non voglio fare la figura della bacchettona, però sollevo una questione: le regole di facebook – regole che sono imposte al momento dell’iscrizione – dicono chiaramente che non saranno tollerate immagini di nudo. Ora, questa foto, seppur molto bella – non si discute – e sicuramente ricca di significati e fascinazioni che nulla hanno a che fare con la sfera dell’erotismo, mostra in primo piano un corpo nudo femminile. Non credo che, potendo selezionare foto per foto, i “censuratori di facebook” avrebbero additato proprio questo scatto come “scabroso” o “indecente”, ma suppongo che, non potendo appunto controllare le foto di nudo una ad una, l’abbiano cancellata in automatico (probabilmente dopo una segnalazione). Mi faccio un’altra domanda, invece: perché ci sono persone che insistono nel pubblicare foto di nudo artistiche, pur sapendo che fb non le ammette? E soprattutto, a cosa serve questa lamentela? Sarebbe bastato caricare l’immagine in altri siti e poi diffondere il link su fb, per aumentarne la visibilità. Anche se, in quel caso, non ci sarebbe stato tutto questo riscontro mediatico…

  6. Forse la censura è nata dal fatto che ci sono dei bambini nudi ed in molti stati la censura è una forma di protezione per limitare la pedofilia.
    Credo che sia molto difficile fare una regola di censura del nudo in base alla “sensibilità” del censore perchè si avrebbero foto al “limite” del pubblicabile e altre che passano inspiegabilmente questa sottile linea.
    Visto che la Anastasia voleva provocare e fare parlare di sè, ha raggiunto il suo obbiettivo ma che faccia dei moralismi alle regole di un dsocial network gratuito non ha senso!
    Che indichi lei quali filtri adottare su FB che possano andare bene per tutti i paesi del mondo…
    Notizia inutile, bella foto… ma ci vedo più marketing che arte!

  7. Bacchettoni! sono una manica di bacchettoni i Suckeberghiani! Cosa c’è di offensivo? mica rispondono, si nascondono dietro “presunte” sensibilità… insensibilità direi.
    Il femminino fa più paura del diavolo.
    (maledetti preti)

  8. Hanno fatto bene a censurarla.
    Quanto bisogna essere presuntuosi ed arroganti per pensare che il mondo consideri “arte” il corpo nostro e dei nostri figli nudo e nell’esercizio delle sue funzoini fisiologiche? Mostrare il proprio seno grondante latte è da esaltate, non c’è niente di artistico.
    Fra 10 anni i suoi figli saranno fieri della vagina della loro madre così ostentata?
    Ma per favore….

  9. Erika tu sei la portabandiera dei bigotti!!! Togli il prosciutto dagli occhi e guarda quanta bellezza e quanto amore c’è in questa foto invece di vedere una vagina e un paio di tetto!!!

  10. Non vedo perché farne un caso. E’ una foto egocentrica, in stile Facebook, in cui si fa divinità del proprio corpo. Sta volta c’è una mamma con dei figli. Sui bimbi ci sono tante questioni aperte in merito alla privacy, e le approvo nella misura in cui, non mi piacerebbe sapere che in giro per il mondo ci sono foto di me nuda da piccola. Questo non toglie che da grandi potranno fare quel che vogliono.
    Fb avrebbe tantissimo da censurare: Gruppi che incitano all’odio fra razze, allo sfottò gratuito di troppo grassi, troppo magri, troppo normali, troppo deficienti e troppo intelligenti. Su fb c’è un disavanzo di “troppo porno”… quindi una foto così l’avrei fatta correre. Siamo certi che non sia una trovata pubblicitaria? Chiedo senza malizia alcuna, solo per capire.

  11. Non è arte, non è cultura, ma solo volgare e prepotente provocazione, prostituzione intellettuale e commerciale, un modo per farsi pubblicità e far soldi, per cui non si capisce perchè poi si innalza lei a contromoralizzatrice conformemente anticonformista militante. Ma la cosa che disgusta, non è la sua nudità (ormai pretendere di scandalizzare, nel 2013, è onestamente ridicolo e patetico), ma la bieca strumentalizzazione e lo sfruttamento di due minori mostrati nudi in pubblico, contro la loro volontà, che tra l’altro costituisce, giustamente, reato. Chi l’ha autorizzata a mostrarli nudi, se loro sono incapaci di intendere e di volere? Ecco forse bisognerebbe chiedersi da dove proviene questa violenza e prepotenza nei confronti dei diritti di questi due bimbi, rei solo di avere una madre esibizionista e arrogante, che si prostituisce e costringe loro alla prostituzione mediatica. mi sembra di assistere alle pagliacciate squallide dei gay pride. non capisco cosa ci sia di orgoglioso nel provocare la gene e aggredirla con la violenza di immagini obbligate, pubbliche. Mi chiedo perchè certa gente pretenda di autodefinirsi democratica e libera, quando invece è coercitiva e illiberale.

  12. ma è una foto di nudo è ovvio che la censurano su facebook! io non penso che siano bacchettoni quelli che l’hanno censurata perchè hanno semplicemente rispettato le regole di questo sito, penso piuttosto che siano dei fanatici quelli che inorridiscono perchè è stata censurata “un’opera d’arte!” “stupenda pura un inno alla vita” che sia arte o no è soggettivo, ma che sia una donna con il seno e la vagina di fuori è un dato oggettivo e non è detto che tutti siano contenti di vedersela davanti su un social network (su cui navigano anche dei bambini) perchè è “arte”. è proprio vero, esistono dei luoghi per questo genere di foto e facebook non è uno di quelli.

  13. In uno spazio artistico si può esporre ciò che si vuole.
    Io considero una perdita di tempo sindacare che cosa rappresenta questa foto…e la censura di facebook è stata semplicemente una furbata della dirigenza facebook affinchè si parli di loro.
    In fin dei conti chi posta su facebook utilizza uno spazio “privato” aperto solo ai suoi amici e coloro che seguono quella persona. Se l’hanno vista altri è perchè una furbissima “campag.na autopromozionale” ha richiamato tutti i curiosi ed i guardoni che ora si sentono autorizzati a giudicare

  14. Per vederci qualcosa di strano o malato bisogna proprio essere dei fottuti ritardati.
    In ogni caso è la libera espressione di una persona che non coinvolge nessuna sex exploitation ne tanto meno contenuti violenti o maltrattamenti.
    Facebook è una merda che limita la libertà degli individui sani e creativi senza fare nulla per chi ostenta violenza sessuale, maltrattamenti ad animali ( che sono reputati alla stregua di oggetti ).

    Detto questo andate pure a masturbarvi nella vostra chiesa di fiducia.

  15. Io credo che questa fotografia sia la massima espressione della vita, e come disse Madre Teresa nel suo inno, la vita è bellezza: ammirala. Oltre al fatto che artisticamente parlando questa immagine sia da premio Oscar alla fotografia. Non vedo così ci sia di così immorale per censurarla. E poi a chi afferma che le regole di fb vanno rispettate in quanto tali pongo semplicemente una domanda: perché mi capita sovente di imbattermi in foto di Sara Tommasi o di altre pseudo vip o di sconosciuti/e che personalmente ritengo di pessimo gusto, di molta volgarità e di immenso squallore???

  16. foto stupenda di una dolcezza e tenerezza che solo una madre puo dare………piazzare foto provocatorie da qualsiasi parte si puo e poi facebook la pianti di fare finto moralismo e controlli di piu altri scatti molto piu eloquenti………………….

  17. Jessu era senza mutande… e io vado sempre senza … mi lavo 3 volte al giorno e son apposto , e menefrego delle parere dei altri,…dicevo sempre ; io nudo mi sento TROPPO vestito. la foto e bellissssima e ha un calore incredibile ,kiss

  18. Mah! Una foto surreale…Un donna nuda che ha appena allattato, con i bambini avvinghiati…con il seno ancora grondante di latte e una macchina fotografica appesa al collo…..Grottesco. io vorrei vedere, nella dolcezza della maternità e dell’allattamento quante donne vanno in giro nude con macchine fotografiche appese al collo….Un insulto alla dolcezza e riservatezza della maternità, per me ….che sono madre.

  19. Mah.. C’è un gruppo su facebook chiamato “Culi perfetti”, o una cosa del genere. Lì ogni foto, stando alle regole di facebook, dovrebbe essere censurata. Questa come me la spiegate!?

  20. foto davvero inutile, ridicola, ai limiti del volgare, niente di più lontano dall’arte, semplice ostentazione, banale provocazione di stampo femminista camuffata da chissà quali buoni propositi.
    Usare i bambini e le tette che grondano le tette è così bieco e offensivo che le donne dovrebbero essere le prime a non appoggiare una simile presuntuosa esibizione. Nella prossima foto ci dovremmo aspettare di vederla nuda cosparsa di mestruazioni lungo le cosce mentre imbocca i suoi bambini intrisi di cacca e vomito? certo è tutto molto naturale, ma non ci vedo niente di poetico o così degno di nota, non credo basti la natura per evitare il cattivo gusto, troppo semplice.

  21. Ha proprio ragione, solo nella mente di persone “distorte” si vede volgaritá nella cosa piu naturale del mondo. Dio ci ha creato nudi e non vestiti, il problema sta proprio nella percezione, vedendo osceno quello che in realtá é naturale.

  22. La censura di Facebook mi interessa poco: è ovvio che si tratta di una censura “allineata” e quindi specchio di ciò che la nostra cultura considera censurabile oppure no. Appunto di questo allora parliamo: ricordo qualche anno fa, circa 13, portai mia figlia che allora aveva circa 5 anni, in periodo prenatalizio, in orario pomeridiano, a vedere un film per bambini (Disney o qualcosa del genere) in una nota sala cinematografica di Torino.- Durante la rassegna pubblicitaria un noto gruppo bancario trasmetteva uno spot dove si vedevano due prostitute intente a contrattare con clienti attraverso i finestrini delle auto, lungo delle strade notturne e facendo questo mettevano in mostra tutto ciò che potevano, ma sempre nei limiti di ciò che ognuno può vedere semplicemente uscendo da casa in ore notturne.
    Il problema che fece agghiacciare la sala, si verificò quando una delle due prostitute chiese alla collega:” ma tu quest’anno cosa hai chiesto a Babbo Natale?” e la collega rispose “Cento euro come a tutti gli altri!!” La nostra cultura ritiene non solo non censurabile uno spot come questo, ma addirittura trasmissibile ad un pubblico inequivocabilmente infantile!
    La nostra cultura ritiene anche che si possano inondare le strade, come accadde un po di anni fa, con foto di una donna seminuda (aveva gli slip, questo sì), avvenente, inginocchiata, a quattrozampe, intenta a leccare la ruota di un’auto per pubblicizzare una nota marca di pneumatici, eppure per vedere simile spettacolo e per farlo vedere ai miei figli, non ho dovuto varcare cancelli ne tanto meno pagare biglietti!
    Ecco! detto papale papale, credo che chi si scasndalizzi per la foto della madre nuda con i duebambini, dovrebbe solo tuffarsi nel cesso e tirare l’acqua!
    Scusate la franchezza!

  23. Per me la questione va oltre il pudore, l’arte, la cultura, il femminismo, il latte che cola etc, etc…..
    Senza fare polemiche, vediamo questa foto per quello che è:

    Questa donna, fotografa -attenzione- non ha fatto altro che mettere in mostra la propria vanità, la stupenda percezione che ha di sè, comunicandola alla massa attraverso l’inattacabile ‘naturalezza e innocenza’ che si attribuiscono ad un corpo di mamma, ottenendo appunto quello che voleva: popolarità.
    D’ altronde come diceva qualcuno:
    ‘nel bene o nel male purchè se ne parli’.

    Non mi sembra nemmeno meriti tanto clamore su eventuali critiche, censure, lodi e compagnia bella: appunto, su FB e derivati se ne vedono di ogni.

  24. I think that it is a beautiful picture, and that the people that censored it are stupid and disgusting puritans, pretending that they have a higher moral than the rest of us, while behind the scene they are the ones out there fondling little kids or lusting for it.
    Stupid religious fanatics trying to take us back to the dark age of the inquisition.

  25. A parte che è una figura bellissima, sia esteticamente che antropologicamente, e ringrazio questa splendida donna per avere concesso ai miei occhi questi istanti di godimento spirituale, sopratutto mi domando; il corpo umano secondo la credenza cristiana, nn è stato fatto da dio? E allora perchè per costoro è più giusto coprirlo con un manufatto umano come sono gli abiti? O nn conoscono le loro stesse credenze, oppure vivono nella ipocrisia. Che cos’è per loro la morale, se nn sono alterettanto feroci nelle loro prese di posizione, ad esempio contro la pedofilia del clero? Io in realtà ho una spiegazione politica; Non godere di quello che la vita dona e rimandare al dopo-vita ogni piacere, singifica sacrificarsi a favore di qualcuno, indovinate di chi?! Saluti

  26. la più grande conquista delle chiese maggiori è l’averci spinto alla vergogna per ciò che siamo..
    fanatici credenti scioccati e bigotti di genere, senza di voi questa non farebbe scalpore; senza di voi il mondo intero sarebbe migliore.

  27. Se lei si vuole fotografare nuda sul web sono fatti suoi. Ma i bambini no. Proprio no. Credo che la gente non abbia capito un bel niente del Web, perché è vero che tutto è libero, ma proprio perché tutto è libero la tutela per alcune categorie (bambini, disabili etc) deve essere ancora più alta. Non sai mai chi c’è dall’altra parte dello schermo. E ci sarà chi questa foto la vede come arte, c’è chi vede la fagiana pelosa e c’è anche CHI SI CONCENTRA CON IL PENE IN MANO SULLA BAMBINA!

  28. Se avesse fotografato una cagna mentre allattava i suoi cuccioli vi avrebbe turbato di meno? In spiaggia quante volte le mamme cambiano i loro bimbi e li mostrano nudi? La gente che ci vede dello sporco in questa foto…è sporca dentro.

  29. Però delle sculettatrici in fascia protetta, di tutte le foto che ritraggono la donna oggetto, della gnocca nuda per fare pubblicità a una marca di colla, del profumo o chissà che altro, messa su cartelloni pubblicitari 9x3metri in mezzo alle strade…quelle no, non urtano la sensibilità, vero?
    E’ estremamente più volgare una foto in bikini della Belen di turno, che questo scatto. Però questo scatto si censura, e gli altri no.
    Aaaaaaaah una donna nuda, aiuto!!

  30. Ma che palleeeeee, ipocriti che non sono altro, qual è il problema?!!? Siamo nati nudi, che scandalo fa questa foto? E’ tenerissima, non provocante o porno come molte altre proposte in situazioni quotidiane di cui nessuno si lamenta. Vogliamo parlare delle foto dei corpi di persone morte martoriate in Italia o in guerra che ormai popolano social network e altro??!? Perchè non lasciarli riposare in pace anzichè esporli come fossero pezzi da museo?!?!

  31. non ho mai capito la paura dei corpi… questa foto non ha niente di volgare… sono dei corpi nudi, senza malizia, senza trasgressione… poi può anche non piacere artisticamente, ma da qui a sollevare un polverone per… cosa? un ciuffo di peli? davvero non capisco….

  32. sono una fotografa, una donna che si è sempre battuta per tutto, ma questa foto e tutto il casino annesso mi ha fatto ridere. a mio parere questa foto non ha nulla di artistico, è un autoritratto abbastanza esibizionista e fine a se stesso (volete gli artisti? Guardatevi gli autoritratti ed i nudi di Nan Goldin e ditemi che ne pensate). I fotografi non pubblicano su Facebook i loro lavori perché Facebook prende i diritti. E gli ”artisti” espongono in gallerie o su giornali. La foto di una signorina nuda con i bambini appresso ed il latte io la trovo artisticamente irrilevante, la composizione non è granché e sì, è più ostentazione che naturalezza, perché voi naturalmente vi fate le foto così?

    la CENSURA riguarda anche argomenti SERI, ed è di quello che dobbiamo preoccuparci.

  33. Qualsiasi sia stato lo scopo, il fine, l’obiettivo, è una bella foto. E’ un bel vedere. E’ espressione. La storia dell’arte è ricca di queste immagini. Che lo vogliate o no è così! Anche se arte non fosse è un piacere. Quale volgarità, se non di coloro che passano il loro vuoto tempo a denigrare e censurare. Mi spiegate perché qualcuno deve arrogarsi il diritto di decidere come, dove, quando l’arte (o se volete l’espressione in genere) debba mostrarsi?
    Di inquisitori la storia è piena. Questi sono poi, e la vita ce lo insegna, le persone che prima o poi becchi con le mani nel sacco. Non c’è peggior pervertito del moralizzatore.

  34. si si dite tutti splendida inno alla vita ecc ecc.. quanti di voi sarebbero contenti se questa foto l’avesse fatta vostra madre con voi ?!? o vostra moglie con i vostri figli ?!? se vuole mostrarsi nuda che lo faccia lo fanno migliaie di ragazze ma mettere in mezzo due bambini e poi spacciarla per arte mi sembra una grandissima presa per il culo…

  35. Pedopornografia da parte di chi vive in una società che ormai ha perso totalmente il senso del ruolo della donna: le società tradizionali onoravano le donne che morivano di parto al punto da considerarle ascese al paradiso dei guerrieri morti in battaglia, quella in cui viviamo noi produce mostri come questa orrenda foto. L’inferno aspetta questa miserabile donna. Pietà per i suoi figli.

  36. Pingback: Random Stuff I Found When I was Bored: Entertaining Things From Across The Globe | Surviving M.E.: Living In Italy
  37. …ma parliamo dello stesso facebook che censura queste foto e poi pubblica sulla destra della Home page link a siti che propongono incontri x adulti (chiamiamoli cosi’)? …è lo stesso facebook bigotto?

  38. Una bellissima foto, senza dubbio, ma giustissima la censura. Soprattutto per la bimba che, non più in fasce e nuda, attrarrà l’interesse dei pedofili di passaggio. Sbagliato farsi pubblicità in questo modo.

  39. erika quella che vedi non è la vagina,ma peli pubici,il latte è vita e nutrimento e si,va esaltato specie quello materno, i figli ,che sicuramente non cresceranno bigotti come te quando guarderanno questa foto saranno felici di essere stati amati così tanto. noto che i commenti delle donne sono i più cativi ,la malignità è davvero donna? rilassatevi ……è una foto,u n a f o t o, nientemeno le avete fatto addirittura le diagnosi psicologiche….indignativi per la vera volgarità !

  40. Se avesse utilizzato l’altra mano per scattare avrebbe ottenuto un risultato migliore, ai fini della composizione…comunque un bell’attimo. Coraggiosa e astuta.

  41. “siete bakkettoni!!111!!! questa è arte!!1111!!!!!” ma vaaaaaaaaaa! Anastasia Chernyavsky è diventata in poche ore la fotografa più nota sul web. A scatenare l’interesse degli internauti è stata la censura di Facebook ad un suo scatto” a me basta questa frase per rendermi conto che questa non è arte ma solo una squallida ricerca di attenzioni…facebook censura foto di nudo da sempre a allora perchè polemizzare? scusate ma a una vera “artista” cosa importa di facebook? le importa perchè così ha puntato i riflettori sulla foto magari l’ha segnalata lei stessa xD

  42. La solita dimostrazione di esibizionismo e ipocrisia. Non ci vuole un genio a capire che un nudo frontale completo sia censurabile; accade per tutti, sia dentro facebook che nella vita reale. Se io vado in giro nudo, entro pochi minuti finisco nella stazione dei carabinieri. Questa tizia vuol farci bere la classica scusa del “nudo artistico”, ma sappiamo tutti che non c’è nulla di artistico in queste esibizioni. E ancora gente tira fuori la solfa del bigottismo e del fatto che del nudo non ci dobbiamo vergognare; cascano dalle nuvole, ma è pura ipocrisia. Bisogna avere il coraggio di criticare coloro che si ergono a paladini della libertà, perché così facendo queste persone la libertà la calpestano. Questi sono i veri bigotti, si fingono innocenti e fuori dal mondo, quando ci vogliono far partecipare passivamente al loro gioco perverso. Copriti, oca.

  43. Non ci sarebbe nulla di male nel frotagrafare il nudo,ma tutto dipende da come esso lo si pone,sia nelòla volgarità,ma sopratutto la notorietà.Perchè si vede che ha fatto questa foto per farsi publicità.E’ proprio quì che vedo la cosa negativa.Perchè potrebbe fare una foto di un suo nudo molto più elegantemente e con un po di fantasia meno volgare,anche perchè ha bel corpo.

  44. La natura non può essere censurata. Allora tutti i dipinti devono essere censurati? Pensate ad un affresco di Michelangelo… non ci vedo nessuna malizia in questa foto, vedo la tenerezza di una madre immortalando la sua routine di tutti i giorni verso i suoi figli.

  45. Pre messo ho una sorta Di allergia per Chiese
    , religioni etc, mi capita Di organizzare una Mostra Di quadri miei in questo spazio adiacente e alla chapel by the sea a Bondi beach. A Padre John faccio presente che I Miei quadri sono per lo più nudi lui si mette a ridere e mi dice:valeria ma tu non sei italiana?le vostre Chiese sono piene Di madonne a seno scoperto e gesù bambino col pisellino Di fuori?
    Mi sono messa a ridere anch’io .di me stessa.

  46. quando la fotografia diventa arte … probabilementte nessuno che si occupa di censura sa cosa vogla dire fare uno scatto con una ROLLEy nel 2013
    detto questo per me la foto è stupenda … su FB le regole ci sono è vero ma allora basta coi culi dei vip , basta con la farfallina di belen ecc se censura deve essere che così sia ma che sia per tutti … non solo per chi non fa parte dello star system . personalmente in questa foto ci vedo soo amore e maternità .
    non sono d’accordo con quello che ho letto su alcuni commenti . in particolare Sergio Letizia, prima di giudicare, sai cosa vuol dire arte fotografica? ti sei chiesto /a cosa pensava questa mamma quando ha preso in mano la ROLLEY magari dopo il bagnetto alla piccola e allattato il bimbo? hai pensato perche ha usato il bianco nero e non il colore? per cortesia non facciamo falsi moralimi sul web e in tv girano cose peggiori degne di censura

  47. Ognuno vede fuori ciò che ha dentro…per me questa foto è incantevole!
    Piena di vita quotidiana, piena di amorevole dolcezza!
    FB farebbe meglio a verificare altri contenuti e a segnalare/censurare molto altro di ciò che circola in rete…
    Come sempre la nostra società tende a penalizzare ciò che è naturale, semplice, spontaneo mentre esalta tutto quello che è perversione sottile (in ogni sua forma) e che passa attraverso immagini e frasi…
    mettiamo i nostri bambini davanti alla tv e vengono continuamente bombardati da messaggi subliminali che sfuggono anche alla nostra attenzione…gente diamoci una svegliata!!!!

  48. La foto e’ artisticamente fantastica e minpiace molto,MA vanno fatte alcune considerazioni:

    1) nudo di bambini e’ a rischio di pedopornografia. la responsabile ne e’ la madre dato che sono palesemente e abbondantemente dei minori

    2) su facebook non devi essere un maggiorenne per iscriverti, e un profilo pubblico dovrebbe attenersi alle regole in materia di minori. per in profilo privato il discorso dovrebbe essere diverso in quanto se accetti minirenni tra gli amici poi ne sei responsabile.

    3) se l’hanno censurata si vede che molti l’hanno segnalata. FB non controlla le foto autonomamente, si basa suivreport dei suoi iscritti o non iscritti.

    4) infine, ho visto profili bannati per molto meno, anche profilidi fotografi. Le regole o valgono per tutti o per nessuno. Se la foro e’un nudo e’ un nudo, al di la di tutte le discussioni artistiche. Bastava pubblicarla gia censurata e aggiungendo un link esterno, magari al suo sito, con la foto normale.

  49. La foto a livello artistico credo sia stupenda,ma penso che sia stata censurata non tanto per oscenita ma probabilmente per i bambini nudi e le leggi sulla pedofilia,su queste foto ci sono dei b.a.s.t.a.r.d.i pedofili che potrebbero divulgare le foto.

  50. Capre! Siete delle capre!

    Quando accedete a Facebook per la prima volta FIRMATE un consenso e una adesione alle regole di Facebook. Tra le tante, che non avete letto, una dice chiaramente che verranno rimossi tutti i contenuti che saranno segnalati e che verranno giudicate FUORI dal contesto di quelle regole.
    Quindi se qualcuno si è sentito DISTURBATO da quella immagine, abbiate il rispetto per quelle persone e quelle sensibilità, ché non siamo tutti uguali: Facebook di suo non censura niente.
    Capre!

  51. E mentre si discute di questa foto spettacolare, scattata senza pensarci due volte sopra, per rappresentare la naturalezza di una madre e due bimbi, ma qui da alcuni ritenuta “pedopornografica” (minchia gente, ma dove vivete? quanto siete sporchi dentro?) al Vaticano si discute di filmati rappresentanti orge gay con bambini.

    A battervi il petto, peccatori!

  52. il corpo umano: che meraviglia! Una mamma, una bimba, un bimbo: 3 meraviglie!
    Che tristezza la conferma (leggendo alcuni commenti) di quanti “guardoni” bacchettoni si nascondano dietro un presunto moralismo.

  53. Su Facebook ci sono profili di puttane che postano messaggi promozionali con tanto di foto di…”tope e uccelli”…e Facebook non li rimuove…Su Facebook ci sono pagine ceh inneggiano alle violenze sulle donne…e Facebook non li rimuove…Facebook mi sa che dovrebbe ridare una regola ai propri valori…

  54. Posso dire che a me invece questa foto non fa nè caldo nè freddo ?
    Non la trovo nè così zuccherosa mielosa e super dolce, tantomeno scabrosa o offensiva per alcuno.
    In medio stat virtus diceva Orazio, ma evidentemente i discendenti dei latini sono proprio un popolo iperbolico, amante dei proclami e delle fazioni.

  55. Ridicolo pensare che la foto sia fatta al volo, senza pensarci, spontaneamente. Ridicolo non capire come postare foto di bambini nudi su Fb sia qualcosa di incosciente, pericoloso ed inopportuno. Ridicolo non capire che si tratta di pura speculazione per attirare visibilità: se mi faccio una foto coi miei bambini me la tengo per me, qualunque genitore è per prima cosa geloso della propria privacy e della unicità del proprio affetto. Ridicolo infine cavalcare la polemica quando si sa dalla sua fondazione che Fb ha due o tre regole e basta: puoi mettere cazzate, opinioni, link, video, foto, canzoni, basta che non metti foto contenenti nudità. Non è mica difficile: non ti sta bene? Non iscrivertici. Anche perché la scappatoia è banalissima: caricare su un altro sito e poi linkare la foto su fb, e nessuno ti dice niente. Amen. Adesso tornate pure alle vostre polemiche sterili da italiano borghesuccio educato all’estetica e all’arte dalla tv commerciale su quanto sia “scandaloso” censurare la vita che si perpetua e cazzate del genere.

  56. L’oscenità ste nei molti commenti negativi (o meramente superficiali) che ho letto riguardo a questa foto bellissima. Chi non è in grado di distinguere l’arte dalla pornografia deve avere dentro il germe della pornografia stessa. Chi ha guardato quella foto con occhi meno che casti, chi non ne ha colto la dolcezza, ha qualcosa di torbido nell’anima.

Lascia un commento
Previous Article

Vacanze da scuola, il pediatra consiglia: meglio svagarsi con gli amici che fare i compiti

Next Article

700mila posti di lavoro per gli informatici: 36mila in Svizzera

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".