Nigeria. Terroristi attaccano una scuola: 50 studenti uccisi nel sonno

terroristi attaccano una scuola

 

Terroristi attaccano una scuolaDomenica notte i miliziani del gruppo Boko Haram hanno assaltato il campus di agricoltura dell’Università di Gujba.  I docenti: “Ci avevano promesso che avrebbero garantito la sicurezza dei nostri studenti, così non è stato”

 

Nigeria – Bilancio gravissimo dopo l’attacco di miliziani armati a un campus universitario domenica notte: sarebbero 50 i morti, la maggior parte dei quali studenti.

L’episodio è avvenuto nello Stato dello Yobe, a nord-est del paese. I terroristi hanno fatto irruzione nel dormitorio del campus di agricoltura dell’Università di Gujba colpendo i ragazzi mentre erano nel sonno; poi, mentre gli studenti superstiti si davano alla fuga, hanno appiccato il fuoco alle aule dell’Istituto.

“Ci avevano promesso che avrebbero garantito la sicurezza dei nostri studenti, così non è stato”. Ha affermato un docente dell’Istituto ai microfoni della Bbc.

I sospetti ricadono sul gruppo fondamentalista islamico denominato Boko Haram (termine il cui significato letterale è: “L’educazione occidentale è vietata”) , colpevole di numerosi attacchi a scuole e Università della regione negli ultimi mesi. Solo lo scorso 6 luglio, infatti, il gruppo aveva assaltato una scuola, causando 42 vittime, alcune delle quali bruciate vive.

Ma la situazione è tesa in tutto il paese, dove si susseguono gli attacchi del gruppo Boko Haram che mira alla costituzione di uno Stato islamico integralista in Nigeria e attua tattiche terroristiche per raggiungere i suoi obiettivi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Graduatorie medicina, il commento di Link: "Basta al numero chiuso. Più chiarezza sul Bonus Maturità"

Next Article

Milano, premio per i giovani laureati: "Condividere il valore d'impresa della città"

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.