Graduatorie medicina, il commento di Link: “Basta al numero chiuso. Più chiarezza sul Bonus Maturità”

Graduatorie

Il Ministero dell’Università ha pubblicato le graduatorie definitive dei test a numero programmato per le Facoltà di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Veterinaria.

“Anche oggi come negli ultimi 15 anni, migliaia di studentesse e studenti apprenderanno il proprio futuro da una semplice classifica che condizionerà le loro scelte di vita e il libero accesso all’Università” – commentano al Corriere dell’Univrsità i ragazzi di Link – Coordinamento Universitario.
Alla vergogna del numero chiuso, quest’anno si aggiunge l’enorme pasticcio legislativo messo in atto dai Ministri Profumo e Carrozza in relazione all’iniquo e discriminante strumento del Bonus di Maturità.
“L’eventuale mancata conversione del c.d. “D.l. Istruzione e quindi l’automatica re-introduzione del Bonus di Maturità – dichiara Alberto Campailla, Portavoce Nazionale di LINK – Coordinamento universitario – si aggiungerebbe ad una serie di errori macroscopici compiuti dal MIUR sulla pelle degli studenti.”
L’enorme problema creatosi in questi mesi necessita di un gesto forte e risolutivo: la sospensione immediata del numero chiuso e l’accesso libero presso le facoltà soggette alla L. 264/99″.
LINK – Coordinamento Universitario rilancia anche in questa giornata il più totale rifiuto ad ogni barriera all’accesso che sta da una parte rendendo totalmente elitaria la formazione universitaria nel nostro paese (57,3% di corsi di laurea a numero programmato) e dall’altra sta contribuendo ad aggravare la grave crisi di personale medico-sanitario nel nostro paese” – concludono gli studenti.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Graduatorie Medicina, ecco quelle definitive. Primo scorrimento il 7 ottobre

Next Article

Nigeria. Terroristi attaccano una scuola: 50 studenti uccisi nel sonno

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.