Nessuna prevenzione e figli in età matura, l’identikit della mamma italiana

Schermata 2013-03-27 a 16.24.54

Hanno un’eta’ media abbastanza alta e sono scarsamente attente alla prevenzione, anche se almeno sei su dieci di loro hanno programmato la maternita’: e’ questo l’identikit delle neomamme italiane tracciato da uno studio coordinato da Icbd (Alessandra Lisi International Centre on Birth Defects and Prematurity), centro collaborativo dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’, e realizzato in sette ospedali italiani.

Dalla ricerca e’ emerso che il 41% delle neomamme e’ over 35, il 58% non ha effettuato esami preliminari e solo il 28% assumeva acido folico prima della gravidanza. Unico fattore positivo, il 65% ha programmato la maternita’. L’indagine e’ stata svolta in occasione del mese della prevenzione dei difetti congeniti e della prematurita’, organizzato ad aprile per accendere i riflettori sulla salute riproduttiva e preconcezionale.

A Milano, Roma e in altre citta’ italiane incontri di preparazione alla gravidanza, colloqui psicologici,banchetti di sensibilizzazione: per informarsi sulle iniziative bastera’ andare sul sito www.primadellagravidanza.it, dove si troveranno anche consigli e una panoramica patologie che si possono prevenire. Ogni anno in Italia – ricorda l’Icbd- nascono 90mila neonati prematuri o con difetti congeniti (250 al giorno): molto si puo’ fare per prevenire questi problemi, ma e’ indispensabile maggiore consapevolezza da parte dei futuri genitori e degli operatori sanitari.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Balduzzi: "Dubbi sulla sigaretta elettronica"

Next Article

Laurea Honoris causa a Paolo Fresu

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.