Nausea, vomito e diarrea: 200mila italiani a letto

Schermata 2013-02-27 a 11.10.09

Se l’influenza sembra allentare la sua morsa sulla Penisola, ora e’ la volta dei virus gastrointestinali. “Possiamo stimare 200 mila nuovi casi in questa settimana, fra adulti e bambini: forme causate da enterovirus, particolarmente diffusi complice l’altalena climatica”, dice all’Adnkronos Salute il virologo dell’Universita’ di Milano Fabrizio Pregliasco.

“Non si tratta di forme particolarmente pericolose, ma capaci di infastidire per una settimana circa”, aggiunge. Talvolta accompagnate da febbre, queste forme virali sono caratterizzate da dolori, nausea, aria nella pancia, diarrea e vomito.

“In genere i sintomi acuti si risolvono in una giornata, ma lo stomaco resta sottosopra piu’ a lungo. E’ importante idratarsi e cercare di mangiare alimenti che diano un certo apporto calorico, anche se in genere i cibi piu’ appetitosi vengono respinti. Dunque dieta leggere e acqua”. In molti ricorrono agli antidiarroici, “ma e’ bene farlo con cautela, e solo nel caso di pazienti adulti. Per gli altri suggerisco i probiotici, che riequilibrano la flora intestinale”. Infine attenzione: “Il contagio prosegue anche per qualche tempo dopo la scomparsa dei sintomi piu’ evidenti”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

InnoLab, allievi e manager insieme per sviluppare idee

Next Article

Dopo la sigaretta, arriva lo spinello elettronico

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.