Menù vegetariano a scuola, la proposta arriva dalla Germania

menù vegetariano scuola

Nelle scuole menù vegetariano un giorno a settimana In Germania il partito ecologista dei Verdi prova a lanciare il Veggie day in tutte le mense istituzionali Obiettivo: educare a una alimentazione sana e ridurre la produzione e il consumo di carne

Per legge, un giorno a settimana non ci saranno salsicce e hamburger nelle mense pubbliche e scolastiche, ma solo menù vegetariani.

La proposta viene dalla Germania, in particolare dal più grande partito ecologista d’Europa: i Verdi.

Secondo i promotori della legge, istituire un “Veggie Day” in cui i tradizionali wurstel vengono banditi dalle tavole delle istituzioni pubbliche dovrebbe servire a educare giovani e non a una alimentazione più sostenibile ed equilibrata.

“Un Veggie day è una giornata fantastica per provare come ce la possiamo cavare senza salsicce – ha dichiarato il capogruppo verde Renate Kunast – cucinare vegetariano è molto di più che lasciare da parte la carne”.

Una proposta che, oltre a sensibilizzare la popolazione, servirà anche a proteggere l’ambiente. L’allevamento di bestiame, infatti, è responsabile del 5% delle emissioni di diossido e del 40% di metano, due gas particolarmente dannosi per la nostra atmosfera.

Limitando il consumo di carne si potrebbe arrivare anche a un ridimensionamento della produzione che porterà benefici all’intero ecosistema.

D’altra parte la Germania è uno dei paesi più attenti all’alimentazione alternativa e bio; molto diffusi, infatti, ristoranti, bar, locali e supermercati che commerciano solo alimenti biologici, per un giro d’affari che è praticamente pari a quello tradizionale.

Una soluzione, quindi, che sembrerebbe portare solo benefici, tuttavia non sono mancate le contestazioni, provenienti, un po’ a sorpresa, proprio dagli abituali consumatori di frutta e verdura.

Via Twitter si possono leggere commenti come “Evito la bistecca, ma non se me lo ordina lo stato” o “Lo Stato vuole spiarmi anche nel piatto?”.

Recriminazioni che fanno prevedere un percorso tortuoso per l’approvazione della legge.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vodafone cerca 500 studenti per insegnare Internet agli over 55

Next Article

I laureati under 30 scappano a Sud del mondo

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.