Maturità: il vero bonus è in euro. Sconti per chi avrà 100 all’esame

bonus maturità

In attesa di decisioni ufficiali sul bonus Maturita’, ottenere il massimo dei voti alla Maturita’ conviene perche’ puo’ garantire un premio in denaro e agevolazioni sulle tasse universitarie. Ad esempio a La Sapienza e Tor Vergata di Roma, Alma Mater di Bologna, Carlo Bo di Urbino chi prende 100 non paga le tasse il primo anno. La questione del Bonus maturita’, per il quale il voto di maturita’ avra’ un peso nei test di ingresso all’universita’, ha sollevato molte polemiche, tanto che il nuovo Ministro dell’Istruzione forse prendera’ nuove decisioni in merito. Ma agli studenti conviene ottenere il massimo dei voti soprattutto perche’ il loro merito viene riconosciuto a peso d’euro. Infatti l’indagine di Skuola.net ha messo in luce la scelta di tanti atenei di esonerare parzialmente o totalmente dalle tasse del primo anno gli studenti che hanno ottenuto un voto alto alla Maturita’.

Poi, grazie al progetto Io Merito del Miur, e’ previsto un premio in denaro per i ragazzi che escono dalle superiori con 100 e lode. IO MERITO – Gia’ con la legge n. 1 dell’11 gennaio 2007 era stata introdotta la premiazione del merito, ma ora, con il decreto ministeriale dell’8 settembre 2011, e’ partito il programma nazionale di valorizzazione delle eccellenze del ministero, Io Merito, che fornisce agli studenti che hanno conseguito la votazione di 100 e lode all’esame di Maturita’ delle borse di studio, dopo averli inseriti nell’inseriti nell’Albo Nazionale delle Eccellenze. L’anno scorso i ragazzi usciti con 100 e lode hanno ricevuto ben 650 euro, mentre per quest’anno la cifra da destinare sara’ resa pubblica ad ottobre.

PRIMO ANNO GRATIS – Da un’indagine effettuata da Skuola.net si e’ messo in luce che alcune tra le piu’ importanti universita’ italiane hanno introdotto l’esonero totale dalle tasse universitarie del primo anno per i ragazzi diplomati con 100/100. Tra questi atenei spiccano La Sapienza e Tor Vergata di Roma, Alma Mater di Bologna, Carlo Bo di Urbino, ma non sono i soli: tra le altre, fornisce questa opportunita’ l’universita’ di Cagliari, del Molise, di Bergamo, di Messina, di Ferrara.

ESONERI PARZIALI E QUALCHE SCONTO – Quando l’esonero totale dal pagamento delle tasse universitarie del primo anno non e’ garantito, potrebbero essere previsti esoneri parziali o agevolazioni per gli studenti meritevoli. All’Universita’ di Milano, gli studenti usciti con 100/100 hanno una riduzione del 50% sui contributi del primo anno, e cosi’ anche alla Cattaneo di Catanzaro. Esoneri parziali sono previsti anche, tra le altre, dall’Universita’ di Trieste, di Padova, di Udine. Avra’ agevolazioni e sconti anche chi si iscrivera’ all’ Universita’ di Siena, alla Ca’Foscari di Venezia, alla Federico Caffe’ di Napoli, solo per accennarne alcune.

E LE PRIVATE? – Le universita’ private non sono ancora allineate con quelle pubbliche e statali per quanto riguarda la possibilita’ di esoneri parziali o totali d’ufficio per chi esce dalla maturita’ con il massimo dei voti, ma per gli studenti meritevoli c’e’ la possibilita’ di candidarsi ad una quantita’ stabilita di borse di studio, volte anch’esse a valorizzare l’eccellenza.(

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Esami di maturità agli arresti domiciliari: studente modello spacciava droga

Next Article

Roma, domani apertura del nuovo parco divertimenti all'Eur

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.