Mae – Fondazione Primoli: borse di studio in lingua e cultura francese da 1.060 euro al mese

Il Ministero degli Affari Esteri, in convenzione con il Governo francese e la Fondazione Primoli, ha pubblicato il bando per il conferimento di borse di ricerca in lingua e cultura francese della durata tra i 2 e i  mesi.
Tre i settori di ricerca in cui è possibile presentare progetti: Letteratura francese e francofona; Lingua e linguistica francese; Aspetti della cultura francese.
Il bando si rivolge a dottorandi e dottori di ricerca. I candidati devono aver conseguito un’ottima votazione di Laurea e devono presentare un progetto di ricerca preciso e documentato. Sarà considerato requisito preferenziale l’inserimento in un progetto di ricerca o il collegamento con Università, Centri, Enti di ricerca. Nel caso in cui si sia già usufruito di questa borsa di ricerca, si potrà presentare una nuova domanda solo dopo quattro anni. Infine, alla data del 31 dicembre 2015, i candidati non devono aver compiuto 35 anni di età.
L’importo delle borse è di 1.060 euro mensili. La scadenza per presentare domanda è fissata al 4 Aprile 2016. La commissione renderà noto il risultato della selezione entro il 30 Giugno 2016. I selezionati potranno usufruire della borsa di studio e ricerca a partire dal prossimo Ottobre.
Maggiori informazioni nel bando ufficiale delle borse di ricerca Mae – Fondazione Primoli in lingua e cultura francese.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di venerdì 19 febbraio

Next Article

Esami da casa attraverso il progetto TESLA: benvenuti nell'università del futuro

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.