Le Università arabe si arredano di made in Italy

Scuole e Università dei Paesi emergenti, in special modo di lingua araba, stanno investendo molto nella formazione delle proprie giovani generazioni attraverso la realizzazione di nuove sedi di grande dimensione e alta qualità.

Non solo qualità didattica ma anche strutturale. E così le aziende italiane dell’arredo, spinte dalla crisi, e quindi ancor più a caccia di nuovi settori e consumatori, stanno trovando interessanti opportunità provenienti dall’Arabia Saudita, Emirati Arabi e Qatar.

Il Ministero per l’Educazione dell’Arabia Saudita entro il 2014 darà vita ad un grande Campus universitario composto da ben dieci sedi e ciò, per le aziende dell’arredo, significa un potenziale di commissioni per decine di milioni.

Queste strutture hanno bisogno di tutto, dalle sedute ai banchi per le aule fino agli armadietti e ai mobili per gli uffici del personale: un’opportunità enorme per il comparto italiano dell’arredo ufficio (quest’anno in calo del 4% sul 2011) secondo solo alla Germania.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Eicma 2012, 70esima edizione del Salone Internazionale del motociclo

Next Article

Scoperto perchè lo sbadiglio è contagioso

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".