La proposta di Rocco Siffredi: "Vado nelle scuole ad insegnare educazione sessuale"

Sta facendo incetta di adesioni la petizione online lanciata da Rocco Siffredi per introdurre l’educazione sessuale nelle scuole italiane. Il celebre attore hard ha deciso di lanciare il suo appello sul sito Change.org con il titolo “Educazione sessuale nelle scuole! Ci metto la faccia e l’esperienza #cipensarocco”: in poche ore, la petizione ha sfondato la soglia delle 20 mila adesioni.
Ecco di seguito il testo della petizione di Rocco Siffredi per l’introduzione dell’educazione sessuale nelle scuole italiane:
La pornografia dovrebbe essere intrattenimento, ma in mancanza di alternative è diventata uno strumento di apprendimento, soprattutto tra i giovani. Secondo voi è normale?
Il dialogo, l’ascolto, l’apertura mentale sui temi del sesso sono in Italia ancora lontani. Il sesso è in Italia ancora tabù, mentre in molti avrebbero bisogno di parlarne, aprirsi, essere ascoltati e ricevere risposte. Tanti giovani avrebbero voglia di soddisfare le proprie curiosità ma non sanno a chi rivolgersi.
L’educazione sessuale è obbligatoria in tutti i paesi dell’Unione tranne che in Italia, Bulgaria, Cipro, Lituania, Polonia, Romania e Regno Unito. 
In Italia contiamo decenni di proposte sull’educazione sessuale e nessuna legge. Non esiste una legge, dunque, nonostante ci sia richiesta di formazione.
Sono un fiero porno attore e regista, protagonista di quasi 2000 film porno girati da attore e 450 da regista e fin da giovanissimo ho voluto dedicare la mia vita al sesso.
In occasione della giornata mondiale dell’orgasmo (22 dicembre), voglio lanciare questo appello, perché il sesso è una cosa bellissima. Ci metto la faccia e l’esperienza, offro la mia completa disponibilità a visitare le scuole italiane e a farmi promotore in prima persona di questa iniziativa.
Perché proprio io? Perché faccio il mio lavoro da 30 anni e ho acquisito abbastanza esperienza per assicurare che quello che faccio io non è educazione sessuale, bensì altro, pornografia appunto.
I ragazzi hanno il diritto di aprirsi, fare domande, avere risposte, ricevere una formazione su una delle cose più belle e importanti nella vita.
Cosa stiamo ancora aspettando? Educazione sessuale nelle scuole! #cipensarocco #Cometogether 

Total
0
Shares
1 comment
  1. Siffredi è una persona intelligente e credo che a quest’idea ci abbia pensato in modo serio, probabilmente riservandosi un ruolo di ‘testimonial’ a fianco, o con il contributo, di altre figure (psicologi e medici, per esempio). Certamente i giovani lo ascolterebbero, se non altro per curiosità, che è poi la madre dell’interesse. A mio parere, quindi, la proposta va considerata da chi di dovere. Ma in mancanza appunto di una legge chi se ne deve far carico? Il Miur? I provveditorati? Gli enti locali da cui dipendono le scuole?
    E come facciamo a sostenerla? Con una petizione? Un comitato?

Lascia un commento
Previous Article

Inps: bando per l'assunzione di 341 medici, psicologi e assistenti sociali

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 23 dicembre

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.
Leggi di più

Balli, tutorial e meme: ecco i nonni social che sbancano Tik Tok. “Cercati dalle aziende come i veri influencer”

Gli ospiti di una residenza per anziani di Carpi, in provincia di Modena, sono diventati star del popolare social network seguitissimo dai giovanissimi. I loro video raggiungono quasi 500mila persone e stanno spingendo le aziende specializzate nella vendita di prodotti per la terza età a contattarli per avviare delle sponsorizzazioni.