Inps: bando per l'assunzione di 341 medici, psicologi e assistenti sociali

L’Inps ha bandito un concorso per l’assunzione a tempo determinato di 341 tra medici, psicologi e assistenti sociali.
In particolare, il bando dell’Inps si rivolge ad Assistenti Sociali, Psicologi e Medici Chirurghi e Odontoiatri, e prevede l’affidamento di incarichi di lavoro Inps a tempo determinato, con decorrenza dal 1° gennaio 2016 e scadenza al 31 dicembre 2016, retribuiti 50 Euro a seduta, aumentabile sino a 100 Euro al giorno a seconda della durata stessa.
Possono partecipare al bando i candidati iscritti all’Albo Professionale degli Assistenti Sociali, degli Psicologi, dei Medici Chirurghi o degli Odontoiatri; non appartenenti ai ruoli di Amministrazioni Pubbliche e collocati in quiescenza, che nell’ultimo anno di servizio hanno svolto funzioni e attività medico legali in ambitoprevidenziale e / o assistenziale, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato;che non abbiano presentato domanda anche per il concorso per Medici; che non esercitino l’attività di medico di medicina generale o di medico pediatra convenzionato con il SSN nel territorio in cui si dovrebbe svolgere l’incarico professionale; che non esercitino incarico analogo a quello oggetto del concorso presso Commissioni mediche in ambito previdenziale e / o assistenziale; che non siano inseriti nelle liste speciali su base provinciale in qualità di medico fiscale, di cui all’art. 4, comma 10 bis, del D.L. 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125; che non effettuino consulenze tecniche di parte per privati, attinenti all’attività dell’INPS, ovvero consulenze tecniche d’ufficio nei procedimenti giudiziari nei quali l’INPS figura quale legittimato passivo; che non svolgono attualente incarichi politici o amministrativi presso organi o enti territoriali e / o nazionali, cariche pubbliche elettive, incarichi governativi, mandato parlamentare, e non candidarsi per gli stessi; che non svolgono o non hanno svolto collaborazioni con CAF e Patronati nell’ultimo triennio; che non abbiano un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato presso enti pubblici o privati; che non siano titolari o abbiano compartecipazioni delle quote di imprese, se possono costituire conflitto di interesse con l’INPS.
La valutazione avverrà per titoli, al termine delle selezioni verranno redatte graduatorie regionali della durata di 3 anni, con decorrenza da gennaio 2016 a dicembre 2018.
La scadenza per partecipare al bando Inps è fissata al 30 dicembre 2015. Le domande vanno presentate esclusivamente online attraverso l’apposito form disponibile sul sito dell’Inps.
Maggiori informazioni e tutte le specifiche per la candidatura le potete trovare sul bando ufficiale dell’Inps a questo link.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Da oggi le scuole audiovisive valgono come università

Next Article

La proposta di Rocco Siffredi: "Vado nelle scuole ad insegnare educazione sessuale"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.