“Io costretta a studiare giorno e notte per il test di medicina. Ma non perdo la speranza”.

chiara rossi

Chiara, quinto liceo e la passione per la medicina. La decisione di anticipare i test a luglio ha colpito soprattutto loro, i liceali che quest’anno dovranno sostenere l’esame di maturità.

“Per noi liceali dell’ultimo anno – racconta Chiara– è davvero scoraggiante e demoralizzante! Frequento l’ultimo anno del liceo classico e attualmente a scuola non studio più ne biologia ne chimica (ovviamente sto provvedendo autonomamente) ma ho appena saputo che per l’accesso alla facoltà di medicina si valuterà anche il voto dell’esame di Stato. Allora mi chiedo come sia possibile pensare di diplomarsi con un voto molto alto e allo stesso tempo essere preparati in materie che non riguardano assolutamente l’esame per sostenere il test d’accesso alla facoltà di medicina 10 giorni dopo ?!

Sì, perché non è semplicissimo conciliare lo studio per diverse materie, tutte importanti. “Nella mia scuola – continua Chiara – i voti si sudano davvero! E sono sicura che questo accade anche in altre scuole”.

Il Ministero dell’Istruzione non ha ancora commentato in forma ufficiale la notizia. Intanto, però,i ragazzi non perdono la speranza. “Io non perdo la determinazione ma di certo il Ministero non sta venendo incontro a noi giovani, ancora una volta…”.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
1 comment
  1. Carissima Chiara,
    intanto complimenti per la tua lucida intervista e solidarietà incondizionata per le vostre preoccupazioni.
    Purtroppo, non è la prima volta e, temo che non sarà neanche l’ultima, che un ministro si alzi e decida, nella più assoluta e arbitraria autonomia, cosa sia bene per gli altri, senza che ” gli altri” ne siano minimamente consapevoli né tanto meno d’accordo nel condividere la decisione di turno, al contrario ne subiscono le conseguenze. Tuttavia, mai lasciarsi scoraggiare!
    Intanto auguriamoci, con la prossima consultazione elettorale e tu, come tanti tuoi coetanei sei chiamata per la prima volta ad esprimere un voto difficile in uno dei passaggi storici più difficili della nostra Repubblica, che il ministro Profumo sparirà e sarà sostituito da una persona che abbia davvero a cuore le sorti della scuola italiana tutta e di tutti gli studenti, nessuno escluso.
    Inoltre, per quanto questa iniqua e incomprensibile sia l’ipotesi di farvi anticipare i test, non scoraggiarti. Lo so, tutto diventa più arduo, meno sostenibile, più faticoso, ma voi cercate di essere una voce forte di dissenso, rivendicate l’attenzione che meritate. In ultimo, ma non per ultimo, persegui il tuo sogno, a qualunque costo, col coraggio, le capacità e la determinazione che ti appartengono: quello è solo tuo, nessuno e niente potrà rubartelo !!!

Lascia un commento
Previous Article

Primo Maggio a Sanremo

Next Article

Concorsone, il bilancio dopo i primi tre giorni e le reazioni dei candidati

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident