Imparare l’inglese giocando

Schermata 2013-03-20 a 17.19.08

Imparare l’inglese giocando? Ora si può, grazie al progetto dell’università di Cambridge dedicato alla “gamification”, ossia la teoria secondo la quale è possibile inserire elementi ludici in qualsiasi attività, compreso l’apprendimento.

Dal lavoro del Cambridge English Language Assessment sono stati tre videogiochi didattici per preparare i bambini agli esami in inglese, suddivisi in tre fasce di competenze dal livello base (A1) a quello avanzato (C1) secondo quando stabilito dal Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue (QCER).

Realizzati in Flash, i tre videogiochi si chiamano Monkey Puzzles, Academy Island  e Funland e sono disponibili sul sito di Cambridge English.

“Apprendere l’inglese deve essere un’esperienza divertente e motivante per i bambini e i ragazzi – spiega a La Stampa Sarah Ellis, Teacher Support Manager di CELA in Italia – I nuovi giochi che proponiamo sono uno strumento divertente e stimolante che incuriosisce anche i più piccoli”.

Un modo intelligente di sfruttare internet e i social network per accompagnare i ragazzi nello studio della lingua inglese, divertendosi e imparando.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Milano arrivano i colloqui prof-genitori via Skype

Next Article

Giuseppe Fava, Miur in campo per il giornalista vittima di mafia

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident