Il parto della marionetta gigante che educa i bambini all'anatomia diventa un video virale

Come si insegna l’anatomia e il funzionamento del corpo umano? Facile! Basta costruire una marionetta gigante di 26 metri che simula un parto reale le cui componenti anatomiche si staccano e prendono vita in uno spettacolo con musiche e giochi di luce.
Così, almeno hanno pensato di rispondere un gruppo d’artisti australiani, gli Snuff Puppets, che ha messo in piedi un vero e proprio show intitolato “Everybody’s born, Everybody cries, Everybody shits and Everybody dies”: nella performance, un enorme pupazzo dalle fattezze umane viene ucciso da un una mattonata in testa, ma un attimo prima riesce a partorire un bambino. Il neonato finisce in mezzo al pubblico di ragazzini che lo coccolano e gli cambiano il pannolino, poi si avvicina alla madre-pupazzo e viene allattato. Lo show continua poi con cuori danzanti, organi che ballano, luci e colori.
Un metodo educativo quantomeno curioso che, però, non ha mancato di far discutere i genitori di Melbourne per alcuni dei quali le scene sono rappresentate in maniera fin troppo vivida.
Il video dell’installazione, intanto, è diventato virale con milioni di visualizzazioni in rete, tanto che già dalla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti è arrivata la richiesta per ospitare l’opera interattiva degli Snuff Puppets.
Qui sotto il video dell’installazione  “Everybody’s born, Everybody cries, Everybody shits and Everybody dies”:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La lezione grottesca di Gino Paoli sulle tasse

Next Article

15 borse di studio da 1.000 euro al mese per laureati discipline umanistiche

Related Posts
Leggi di più

La confessione hot di Iva Zanicchi: “Faccio sesso anche a 80 anni”

La celebre cantante, quest'anno in gara a Sanremo, ha raccontato in un'intervista la sua vita privata: "Con Fausto siamo legati da 36 anni. All'inizio c'era una grande attrazione. Se facciamo sesso? Adesso meno, ma guai se smetti di fare l'amore anche dopo gli 80. Se smetti poi non lo fai più".
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.