Il parto della marionetta gigante che educa i bambini all'anatomia diventa un video virale

Come si insegna l’anatomia e il funzionamento del corpo umano? Facile! Basta costruire una marionetta gigante di 26 metri che simula un parto reale le cui componenti anatomiche si staccano e prendono vita in uno spettacolo con musiche e giochi di luce.
Così, almeno hanno pensato di rispondere un gruppo d’artisti australiani, gli Snuff Puppets, che ha messo in piedi un vero e proprio show intitolato “Everybody’s born, Everybody cries, Everybody shits and Everybody dies”: nella performance, un enorme pupazzo dalle fattezze umane viene ucciso da un una mattonata in testa, ma un attimo prima riesce a partorire un bambino. Il neonato finisce in mezzo al pubblico di ragazzini che lo coccolano e gli cambiano il pannolino, poi si avvicina alla madre-pupazzo e viene allattato. Lo show continua poi con cuori danzanti, organi che ballano, luci e colori.
Un metodo educativo quantomeno curioso che, però, non ha mancato di far discutere i genitori di Melbourne per alcuni dei quali le scene sono rappresentate in maniera fin troppo vivida.
Il video dell’installazione, intanto, è diventato virale con milioni di visualizzazioni in rete, tanto che già dalla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti è arrivata la richiesta per ospitare l’opera interattiva degli Snuff Puppets.
Qui sotto il video dell’installazione  “Everybody’s born, Everybody cries, Everybody shits and Everybody dies”:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La lezione grottesca di Gino Paoli sulle tasse

Next Article

15 borse di studio da 1.000 euro al mese per laureati discipline umanistiche

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".