La lezione grottesca di Gino Paoli sulle tasse

Gino Paoli torna alla carica. Sta facendo discutere la presenza del massimo cantautore italiano alla lezione finale del master per gli impiegati dell’Inps, tenutasi nei giorni scorsi a Genova. Paoli è indagato per evasione fiscale: avrebbe nascosto oltre 2 milioni di euro in Svizzera.
Il discorso tenuto dal cantante, però, faceva parte delle cerimonia finale del master patrocinato, tra l’altro, dalla Agenzia delle Entrate (che, dice, non “ne sapeva nulla dell’invito”).
E Paoli non ha usato mezze parole durante il suo discorso alla cerimonia, scagliandosi contro la macchina della burocrazia e delle tasse in Italia: “Basta pensare come nascono, di chi sono figlie le tasse in Italia. Sono figlie delle gabelle che il principe, il duca, il conte o il marchese si facevano dare dal popolo per fare i comodi loro. In America è diverso: là le tasse le raccoglievano i cittadini per costruire una scuola o un bene pubblico nelle città di frontiera”.
Alla domanda, legittima, venuta dal web (“Non potevano invitare qualcun altro?”) Paoli ha risposto con lo stesso tono: “Certi commenti non mi toccano. Non ascolto mai gli imbecilli”.
Alla Camera di Commercio di Genova, insomma, hanno fatto la frittata. Paoli attacca a tutto campo: “Non venite a dirmi che burocrazia e pubblica amministrazione sono la stessa cosa. Perché non è vero. Per cancellare la prima bastano semplificazione e informatizzazione”. In ultimo, il suo commento sulle dimissioni da presidente Siae: “Carica dalla quale mi hanno tolto per motivi che sanno solo loro”.

Total
0
Shares
1 comment
  1. un vero cialtrone. Facente parte del Pd, prendevasoldi in nero alle festacce Dell’Unità. Presidente di un ente che massacra persino i ragazzini che vogliono strimpellare in compagnia due motivetti. Un essere spregevole, Un vecchio insopportabile. Un falso uomo comunista con cuore a sinisrra e cuore a destra. Se quando aveva tentato il suicidio avesse sparato bene, ci guadagnava lui e noi. Ma che crepi.

Lascia un commento
Previous Article

MIUR: attivati 400 nuovi tirocini per gli studenti universitari

Next Article

Il parto della marionetta gigante che educa i bambini all'anatomia diventa un video virale

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"