15 borse di studio da 1.000 euro al mese per laureati discipline umanistiche

Ritorna il concorso promosso dall’Istituto italiano per gli studi storici che mette a disposizione 15 borse di studio annuali per giovani laureati e dottori di ricerca, italiani e stranieri, in discipline storiche, filosofiche e letterarie.
L’Istituto italiano per gli studi storici bandisce il concorso a borse di studio annuali per giovani laureati e dottori di ricerca, italiani e stranieri, in discipline storiche, filosofiche e letterarie:
a) quattordici borse dell’importo di € 11.500,00 ciascuna (per i residenti nella Regione Campania l’importo è di € 9.300,00);
b) una borsa intitolata a «Federico II», offerta dall’Università di Napoli per laureati nelle università italiane con una tesi di argomento medievistico, dell’importo di € 10.300,00. Una delle borse di studio di cui al punto a) è intitolata a «Mario Pannunzio» per il contributo dell’Accademia nazionale dei Lincei.
Possono concorrere al presente bando coloro che siano in possesso dei seguenti requisiti:
– età inferiore ai 32 anni alla data di scadenza del 1° settembre 2015;
– laureati e dottori di ricerca che entro la data di scadenza abbiano discusso la tesi di laurea magistrale o di dottorato in discipline storiche, filosofiche e letterarie.
Le domande di partecipazione (da scaricare dal sito www.iiss.it) debitamente compilate e sottoscritte dovranno pervenire all’Istituto italiano per gli studi storici, Via Benedetto Croce, 12 – 80134 Napoli, entro e non oltre il 1° settembre 2015 (non farà fede la data del timbro postale) con la seguente documentazione:
1) Copia del documento di identità.
2) Curriculum studiorum del candidato, con l’indicazione delle lingue che egli conosce.
3) Certificato di laurea quadriennale o specialistica, con i voti riportati nei singoli esami, e/o di dottorato, per gli stranieri certificato di un titolo di studio equipollente.
4) Copia cartacea e su supporto informatico della tesi di laurea o di dottorato e di altri eventuali lavori a stampa o in bozza.
5) Programma di ricerca da cui risultino le finalità, i tempi per portarlo a compimento, i materiali da utilizzare, i luoghi nei quali la ricerca dovrebbe svolgersi.
6) Lettere e attestati di almeno due studiosi sotto la cui guida il candidato lavora o ha lavorato. Le domande che non soddisfino integralmente le condizioni di cui sopra non verranno prese in considerazione
 
Ecco il bando per la partecipazione Bando-orse-di-studio-2015-16
La scadenza è il 1 settembre 2015
Ecco il sito ufficiale del concorso

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il parto della marionetta gigante che educa i bambini all'anatomia diventa un video virale

Next Article

La rassegna stampa di Venerdì 12 giugno

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.