Idi di marzo, oggi la rievocazione a Largo Argentina

Schermata 2013-03-14 a 11.02.05

Alle Idi di marzo, il 15 di marzo, del 44 a.C. all’interno della Curia di Pompeo veniva assassinato Gaio Giulio Cesare, per mano di un gruppo di congiurati con a capo Bruto, suo figlio adottivo. Oggi il Gruppo Storico Romano proporra’ la rievocazione del tragico assassinio presso l’Area Sacra di Largo di Torre Argentina dalle ore 16.30.

La manifestazione, patrocinata dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, realizzata con la supervisione della Sovrintendenza Capitolina e il Dipartimento di Scienze storiche, filosofiche – sociali, dei beni culturali e del territorio dell’Universita’ di Roma ‘Tor Vergata’, sara’ incentrata su tre scene.Nella prima verra’ rappresentata la riunione del Senato nella quale Cesare, alla presenza di Marco Antonio, Catone, Cicerone, senatori e tribuni della plebe, venne dichiarato nemico pubblico di Roma, se non avesse sciolto le sue legioni prima di tornare a Roma. La seconda scena riproporra’ l’arrivo di Cesare presso la Curia il giorno delle Idi e l’incontro con l’indovino Spurinna, che lo aveva messo in guardia con il famoso monito: “Cesare, guardati dalle Idi di Marzo!”.

Entrato nella Curia Giulio Cesare verra’ circondato dai cospiratori, che lo colpiranno con ventitre coltellate uccidendolo. La terza e ultima scena e’ incentrata sull’orazione di Marco Antonio durante il funerale di Cesare, nel Foro Romano, che ispiro’ Shakespeare per il suo Giulio Cesare. Al termine della rievocazione, contrariamente a quanto si faceva allora quando, per onorare il grande scomparso, si bruciava incenso, secondo un costume piu’ recente, riservato ai grandi della patria caduti, il Gruppo Storico Romano deporra’ una corona d’alloro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In arrivo 256 milioni per le start up

Next Article

Calcio, tango e letteratura: il ritratto di un pontefice a sorpresa

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".