“I ragazzi riprendono le periferie”, domani con Mario Cerasoli

Martedì 6 Novembre 2012, alle ore: 10:00 presso la sede dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza in via della Ferratella 5,  Roma, Mario Cerasoli (Dipartimento di Studi Urbani) parteciperà alla conferenza nazionale “Sguardi Oltre: i Ragazzi Riprendono le Periferie“, promossa dalla Fondazione L’Albero della Vita e dalla Fondazione “Patrizio Paoletti” e con il Patrocinio dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca e del Ministero per la Cooperazione internazionale e l’Integrazione.

La vita in diverse periferie cittadine, tra degrado ambientale e sociale, povertà e fragilità familiari diffuse definisce per i minori un ambiente sostanzialmente povero di stimoli e opportunità dove una quotidianità carente semina un futuro purtroppo già segnato, alimentando la catena della povertà materiale e culturale, creando condizioni interiori negative allo sviluppo e alla crescita. Tutto questo si traduce di frequente in una condizione di contrazione e isolamento dove le risorse individuali e collettive non riescono ad esprimersi in forma creativa e generativa.

Mercoledì 7 invece, Sege Latouche terrà una conferenza sul rapporto tra economia, ecologia e filosofia. L’occasione della crisi.

L’appuntamento per le  9:30 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia, in Aula Magna in  via Ostiense 234

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Marie Curie assegnato ai primi tre ricercatori

Next Article

Cenerentola alla Sapienza

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".