Premio Marie Curie assegnato ai primi tre ricercatori

Sono tre i primi vincitori del nuovo premio della Commissione europea intitolato a Marie Curie dedicato ai risultati eccellenti raggiunti nel campo della ricerca. I tre vincitori – premiati oggi a Nicosia da Androulla Vassiliou, Commissaria europea responsabile per l’Istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù – sono il greco Gkikas Magiorkinis nella categoria “Giovani promesse della ricerca”, la britannica Claire Belcher per la categoria “Divulgare la scienza” e l’israeliana Sarit Sivan per la categoria “Innovazione e imprenditorialità”.

La cerimonia si è svolta nel quadro di una conferenza dedicata alle azioni Marie Curie e Orizzonte 2020, il programma da 80 miliardi di euro proposto dalla Commissione per favorire gli investimenti nella ricerca e nell’innovazione. Nell’ambito della proposta, più di 5,75 miliardi di euro verrebbero stanziati per le azioni Marie Curie nel periodo 2014-2020. Dal suo avvio nel 1996 il programma ha già sostenuto la formazione, la mobilità e lo sviluppo delle abilità di più di 65 000 ricercatori.

 

“Abbiamo concepito questo nuovo premio per mettere in luce l’eccellenza e il talento dei migliori giovani ricercatori attivi in Europa. Mi congratulo con i vincitori, che hanno lasciato il segno nel campo in cui operano. È essenziale che in Europa si continui a investire massicciamente nella ricerca – non solo contribuisce a risolvere le grandi sfide sociali in ambiti come la salute e l’ambiente, ma è anche importantissima per l’economia europea. Mi auguro che il premio Marie Curie incoraggi altri ricercatori e ispiri un maggior numero di giovani – soprattutto di ragazze – a contemplare una carriera nel campo delle scienze” ha affermato la Commissaria.

 

Gkikas Magiorkinis ha ricevuto il premio per la sua ricerca sui percorsi di diffusione del virus dell’epatite C (HCV) nel mondo. Il virus, che colpisce il fegato e può essere letale, ha infettato circa 150 milioni di persone nel mondo. Claire Belcher ha ricevuto il riconoscimento per i suoi studi sul passato geologico della Terra e il suo impatto sulla vita vegetale e animale – tema che la ricercatrice ha saputo diffondere presso il grande pubblico comparendo regolarmente in televisione e nei media. Sarit Sivan ha sviluppato una terapia innovativa per il dolore lombare dovuto alla degenerazione dei dischi nella colonna vertebrale.

 

“La competizione per il premio è stata molto serrata, ma l’elevata qualità dei lavori dei vincitori indica chiaramente le potenzialità della ricerca europea ed evidenzia la necessità di continuare a sostenere i numerosi talenti che si trovano in Europa” ha affermato la Professoressa Anne Glover, consulente scientifico principale europeo e membro della giuria. Tra i membri della giuria internazionale, costituita da docenti universitari, scienziati ed esperti di chiara fama, figurano il Professor Pierre Joliot, rinomato biologo francese nipote di Marie Skłodowska-Curie, il Professor Christopher Pissarides, vincitore del premio Nobel 2010 per l’economia e Maria Da Graça Carvalho, deputato del Parlamento europeo ed ex ministro portoghese della Scienza, dell’innovazione e dell’istruzione superiore.

 

Il premio Marie Curie premia i risultati raggiunti dai migliori borsisti delle azioni Marie Curie in tre categorie: Divulgare la scienza, Innovazione e imprenditorialità, Giovani promesse della ricerca.

 

L’obiettivo è incoraggiare i ricercatori a espandere il loro campo d’eccellenza all’innovazione, all’imprenditorialità e alla divulgazione scientifica. Esso inoltre innalza il profilo dei vincitori e delle istituzioni ospitanti dando nel contempo maggior lustro alle azioni Marie Curie.

 

I candidati sono stati designati da esponenti della comunità della ricerca. La rosa dei premiabili era ristretta ai ricercatori attuali e passati che hanno partecipato alle azioni Marie Curie finanziate nell’ambito del 6° o 7° programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico (FP6 e FP7).

 

I vincitori sono stati selezionati da una giuria di esperti di chiara fama in base a una serie di criteri per ciascuna categoria.

 

 

Le azioni Marie Curie, che hanno una dotazione finanziaria di 4,7 miliardi di euro per il periodo 2007-2013, promuovono le carriere dei ricercatori in Europa mediante programmi gestiti dall’Agenzia esecutiva per la ricerca della Commissione europea. A partire dal 1996 le azioni Marie Curie hanno consentito a più di 65 000 ricercatori di quasi 130 paesi diversi di seguire una formazione o di fare ricerca all’estero.

 

La Commissione ha proposto di aumentare il finanziamento delle azioni Marie Curie portandolo a 5,75 miliardi di euro nell’ambito del programma Orizzonte 2020. La proposta della Commissione è ora in fase di negoziazione da parte del Parlamento europeo e degli Stati membri. Il programma reca il nome della scienziata franco-polacca, due volte vincitrice del premio Nobel, che ha compiuto ricerche d’avanguardia nel campo della radioattività e ha scoperto il polonio. A partire dal 2014 il programma riceverà la nuova denominazione di azioni Marie Skłodowska-Curie.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Del Piero cancellato da Fifa 2013: è subito polemica

Next Article

"I ragazzi riprendono le periferie", domani con Mario Cerasoli

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.