Googleplex, a metà tra centro studi e parco divertimenti

Al quartier generale di Mountain View in California, il sistema manageriale di Google punta a tenere liberi i propri dipendenti secondo la regola “ci fidiamo dei nostri collaboratori”.

Al quartier generale di Mountain View in California, il sistema manageriale di Google punta a tenere liberi i propri dipendenti secondo la regola “ci fidiamo dei nostri collaboratori”. La chiave dell’approccio sta nel 20% di tempo dato a disposizione per i progetti individuali. Ma non solo: l’azienda offre colazioni, pranzi e cene gratis (tutti cibi biologici), mette a disposizione spazi relax forniti di tavoli da biliardo e ping pong, palestre oltre che medici, massaggiatori e parrucchieri.

La politica aziendale che punta al benessere dei dipendenti è la chiave del successo seguita anche, tra le altre, da Apple, Microsoft e Facebook, aziende cioè in condizioni di investire. Nonostante lo scivolone di metà Ottobre, Google resta infatti società da 2/3 miliardi di dollari di utili a trimestre.

Il senso di tutto ciò è duplice: economico in quanto le spese per il benessere sociale, mentale e fisico dei dipendenti abbassano i costi della salute (già Johnson&Johnosn calcolò, con questo tipo di approccio, un taglio di circa 250 milioni sui costi della sanità nel corso di un decennio) e di fiducia. Specialmente negli USA, simbolo di nomadismo lavorativo, questo tipo di beneficio punta a mantenere e stimolare i dipendenti per far carriera, prendendosi cura perfino dopo la morte con metà degli stipendi versati ai familiari dei deceduti.

Come a voler sottolineare che la fidelizzazione prima che raggiungere il cliente deve partire dal dipendente.

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Svuotalarmadio Fall 2012

Next Article

Quando il viaggio fa Notizia

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.