Quando il viaggio fa Notizia

Dal 2 Ottobre 18 studenti di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Catania si trovano negli States nell’ambito del progetto “Study Trip to USA 2012” accompagnati da docenti e tutor verso i “santuari della notizia”: Cnn, Google, Facebook.

Dal 2 Ottobre 18 studenti di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Catania si trovano negli States nell’ambito del progetto “Study Trip to USA 2012” accompagnati da docenti e tutor verso i “santuari della notizia”: Cnn, Google, Facebook.

Oltre alla visita di queste tre importanti realtà, il viaggio studio prevede anche una sosta nei campus della University of Memphis (Tennessee), della Mississippi State University (Mississippi) e della Auburn University (Alabama). In questi prestigiosi atenei statunitensi il gruppo incontrerà professori e studenti che studiano le scienze sociali e della comunicazione, con attenzione particolare ai social media e ai social network.

Prima del rientro, previsto per il 1° Novembre, gli studenti trascorreranno una settimana a New York e tre giorni a Londra dove saranno ospiti della 4 Creative Studios e delle sedi britanniche di Rai e Google.

La delegazione si prefigge anche l’importante compito di consolidare e stringere nuovi rapporti che possano sfociare in futuri accordi accademici.

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Googleplex, a metà tra centro studi e parco divertimenti

Next Article

Corre sul web la protesta degli studenti fuori sede contro il caro affitti

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"