Corre sul web la protesta degli studenti fuori sede contro il caro affitti

Un sito convenzionato con la Sapienza propone in affitto posti letto, camere e monolocali a prezzi di mercato. Gli studenti contestano la sponsorizzazione dell’ateneo a una struttura privata senza locazioni agevolate

L’edizione romana del Corriere della Sera riporta la protesta di un gruppo di ragazzi della Sapienza contro la sponsorizzazione, da parte dell’ateneo, di un sito di annunci di affitti per studenti, a prezzi tutt’altro che agevolati. Nell’home page del sito campeggia in bella vista il logo della prima università capitolina, con la scritta: “Convenzionato con Sapienza Università di Roma”.

Il sito offre posti letto, camere e monolocali a prezzi di mercato: 400 euro per un posto letto al Pigneto, Monti Tiburtini, una stanza a 500 euro. Tutti gli appartamenti sono descritti come dotati di wifi libero, arredamento e sorveglianza.

Il Corsera è andato a chiedere notizie alla Sapienza. Si tratta di “una iniziativa portata avanti con regolare assegnazione” e che “a seguito di un bando per la ricerca di alloggi in favore di studenti universitari sono stati stipulate diverse convenzioni, tra cui anche quella con il sito in oggetto”. L’ateneo chiarisce anche che, nel caso degli appartamenti proposti dal sito, è stata “valutata la qualità dei servizi offerti, la pulizia, la correttezza fiscale” mentre sui prezzi non c’è stata “trattativa in quanto non si tratta di edilizia convenzionata”.

Per chi cerca affitti più bassi, La Sapienza informa di aver attivato anche “una convenzione con la Casa per Ferie ‘Aedes Placida’ di via Como che riserva agli studenti tariffe agevolate per soggiorni in bed&breakfast”.

Rimane la protesta degli studenti contro la sponsorizzazione di una struttura privata a prezzi di mercato e contro la “cronica mancanza di alloggi universitari e sullo smantellamento del diritto allo studio”. Laziodisu, l’azienda per il diritto allo studio universitario del Lazio, gestisce circa 2 mila alloggi universitari: 1300 di questi sono assegnati alla Sapienza. Troppo pochi, a fronte di un esercito di fuori sede che solo alla Sapienza conta circa 25mila studenti.

Chiara Cecchini

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Quando il viaggio fa Notizia

Next Article

Sciopero della scuola in tutta Italia

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).