Sciopero della scuola in tutta Italia

L’annunciato sciopero della scuola di oggi, 24 ottobre, è in corso proprio in queste ore. Tutti contro Monti lo slogan generale con il cuore della protesta nella Capitale, naturalmente. Mobilitazioni in Puglia, Campania, Lazio, Toscana, Liguria, Lombardia, Piemonte.

L’annunciato sciopero della scuola di oggi, 24 ottobre, è in corso proprio in queste ore. Tutti contro Monti lo slogan generale con il cuore della protesta nella Capitale, naturalmente.

Le mobilitazioni in Puglia, Campania, Lazio, Toscana, Liguria, Lombardia, Piemonte sono riassunte nelle dichiarazioni rilasciate dal gruppo Rete della Conoscenza: “Quello a cui abbiamo assistito da vent’anni a questa parte con tagli alle risorse, aumento delle tasse universitarie e introduzione del contributo nelle scuole, entrata degli esterni e restrizione degli spazi di democrazia non è altro che un processo di privatizzazione. Oggi infatti scuole e università sono sempre di più luoghi privati e sempre meno luoghi pubblici“.

Il 24, 25 e 26 ottobre – continuano – vogliamo opporci anche assieme agli insegnanti in mobilitazione a chi ha privatizzato l’istruzione e l’ha ridotta in questo modo, discutendo di un’idea radicalmente differente da quella che ha in testa il Governo e la maggioranza parlamentare che lo sostiene. Ci mobiliteremo in tante città con momenti di partecipazione, occupazioni, assemblee, discussioni, interrompendo l’ordinarietà della didattica e delle lezioni dalla Campania alla Toscana, dalla Puglia alla Lombardia, dal Piemonte alla Sicilia“.

Siamo la promessa di un domani migliore – dicono gli studenti – perché è solo ripartendo da scuole e università pubbliche che si può immaginare un paese nuovo e con un futuro diverso dalla crisi a cui ci stanno condannando“.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Corre sul web la protesta degli studenti fuori sede contro il caro affitti

Next Article

Sapienza, una task force per la perizia

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".