Giovani e lavoro, anche in Italia arriva Youthspark. Microsoft forma 300milioni di ragazzi nel mondo

Creare opportunita’ per i giovani nel campo della formazione, dell’occupazione e della imprenditorialita’: sono questi gli obiettivi principali di YouthSpark, il progetto mondiale avviato da Microsoft per sostenere 300 milioni di ragazzi nel mondo, che arriva anche in Italia grazie alla collaborazione dell’azienda di Redmond con Fondazione Cariplo, Mondo digitale e Cnca, il Coordinamento nazionale delle comunita’ di accoglienza.

”Riteniamo che contribuire alla soluzione dei problemi che oggi i giovani si trovano ad affrontare sia una delle azioni piu’ importanti da compiere per assicurare il futuro di questa generazione e, di conseguenza, il futuro dell’economia globale. E’ necessario coinvolgere istituzioni ed enti non profit per dare ai giovani opportunita’ concrete”, ha spiegato Eric Boustouller, Vice President dell’area Western Europe di Microsoft, a Roma per presentare il progetto insieme alle tre organizzazione che aderiscono. YouthSpark si declina, a sua volta in tre diversi progetti destinati rispettivamente a giovani svantaggiati; studenti liceali o universitari; e ai giovani neolaureati o in procinto di laurearsi. Il primo si chiama ‘Giovani & lavoro.

IT fattore abilitante’, in collaborazione con Cnca rivolto a 3.000 ragazzi tra i 16 e i 28 anni in cerca di occupazione e ha come obiettivo quello di aiutarli ad aumentare competenze tecniche, informatiche, relazionali e lavorative attraverso specifici percorsi formativi. Poi c’e’ ‘Meet no Neet’ messo a punto con Mondo Digitale che si propone di fornire a 6.000 giovani dai 18 ai 24 anni le competenze necessarie per entrare nel mondo del lavoro dalla porta dell’impegno sociale.

I partecipanti, in pratica, dovranno individuare un problema presente nel proprio contesto di vita quotidiana – scuola, quartiere, citta’ – e proporre una soluzione definendo anche le possibili sinergie sul territorio con enti, associazioni e aziende. Infine, ‘Start-up Revolutionary Road’, in collaborazione con Fondazione Cariplo e’ il progetto che offre opportunita’ a 25mila giovani in Italia di creare la propria start-up attraverso una formazione specifica.

Al termine del percorso i giovani che partecipano, potranno accedere al programma BizSpark di Microsoft, nato nel 2008, a sostegno delle piccole e medie imprese. I progetti avviati nella parte ovest dell’Europa (tutti i paesi europei esclusa Francia, Germania e Regno Unito) sono 15, di cui ben tre in Italia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scoperto il dinosauro più antico del mondo

Next Article

Libri digitali a scuola, ma dal 2014

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.