Giannini: “Sostituire la retorica dell’inclusione con la cultura dell’inclusione, questo è il passaggio politico”

Una giornata all’insegna del confronto, diretto e senza filtri, tra le Istituzioni e il mondo della disabilità. Ieri mattina alla Camera dei Deputati, nel corso della “Giornata internazionale delle persone con disabilità”, 60 studenti, diversamente abili e non, provenienti da tutta Italia hanno ‘interrogato’ il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, e il Sottosegretario Davide Faraone sui problemi da affrontare e le azioni da intraprendere per migliorare la vita degli studenti disabili, dentro e fuori dalle mura scolastiche.
A conferma della sua importanza, l’evento è stato ospitato dalla Camera e ha visto la presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del Presidente del Senato Pietro Grasso e della Presidente della Camera Laura Boldrini. Sono intervenuti anche i Presidenti delle Commissioni Cultura e Istruzione di Camera e Senato, Flavia Piccoli Nardelli e Andrea Marcucci. Anche loro hanno risposto alle domande dei ragazzi.
Nel corso di un vero e proprio question time, gli studenti si sono confrontati con il Governo e le Istituzioni, proponendo i quesiti e le idee che avevano elaborato nella giornata di ieri, durante la riunione preliminare al Miur. I temi trattati sono stati principalmente: accessibilità di spazi e contenuti didattici, qualità della vita scolastica, capacità della scuola di incidere sulla realizzazione personale dei ragazzi, proposte per il miglioramento delle politiche di inclusione.
“Dobbiamo sostituire la retorica dell’inclusione con la cultura dell’inclusione, questo è il passaggio politico” ha dichiarato il Ministro Giannini, aggiungendo che garantire l’accessibilità “significa abbattimento delle barriere fisiche e creazione di situazioni di adeguatezza. Un impegno che la legge 107, la Buona Scuola, si è assunta – ha proseguito -. Le leggi devono essere portatrici di valori. Questa legge, con tutte le imperfezioni che ci sono e di cui prenderemo atto, porta dei valori. Siamo consapevoli dello sforzo fatto e il nostro è un impegno preciso, mirato, per un obiettivo non irrealizzabile: che le scuole siano tutte adeguate come voi volete, che tutto il personale sia pronto e preparato e che la società sia matura e solida su questi valori. Siamo contenti di aver fatto il primo passo”.
“L’inclusione è un affare di tutti – ha aggiunto il Sottosegretario Faraone -. Favorirla non deve essere compito specifico di un insegnante di sostegno. Il sostegno si fa alla classe, alla scuola, non al singolo alunno. Per questo abbiamo previsto con la Buona Scuola, e lo renderemo ancora più effettivo con la delega alla quale stiamo lavorando, una formazione obbligatoria per tutta la comunità scolastica”.
In occasione della Giornata, il Miur ha pubblicato il Focus con i principali dati statistici relativi alla presenza di alunni con disabilità e alla loro inclusione nel sistema scolastico.
A questo link, potete trovare le richieste fatte dai ragazzi e dalle ragazze disabili al Miur per costruire un sistema scolastico più inclusivo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Partiti! Al via la missione europea del razzo Lisa Pathfinder

Next Article

Accessibilità, partecipazione, sensibilizzazione, futuro: le richieste dei ragazzi con disabilità ai rappresentanti delle istituzioni

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".
Leggi di più

Si studiano le materie STEM e solo per quattro anni: nasce il Liceo per la Transizione ecologica e digitale

Si chiamerà T.E.D. ed è il nuovo liceo pensato dal Ministero dell'Istruzione per formare e preparare i ragazzi alle sfide che la transizione ecologica e digitale impone anche nel nostro Paese. Le scuole interessate da questa novità sono 27 in tutta Italia e collaboreranno con le università e le aziende del Consorzio Elis. Per iscriversi c'è tempo fino al 28 gennaio.