Giannini: "Adesso, riordino degli enti di ricerca e definizione dello status giuridico dei ricercatori"

“E’ il momento di lavorare alla delega sul decreto Madia che ci indica la strada per il riordino degli enti e per definire lo status giuridico dei ricercatori”, ad affermarlo è stato il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, a margine del convegno [email protected]
Se quindi, il mondo dell’università italiana non verrà riformata in maniera drastica, come affermato in una intervista rilasciata a CorriereUniv dalla senatrice Pd e relatrice del testo della Buona Scuola, Francesca Puglisi, lo stesso non potrà dirsi del mondo della ricerca, da anni in attesa di una ridefinizione che valorizzi i tanti precari attualmente impiegati.
“Al momento si è ora ancora nella fase di raccolta dei dati – ha spiegato il ministro – si stanno misurando gli effetti degli interventi fatti finora e qualcosa di concreto emergerà nei prossimi mesi, entro l’estate”.
“E’ un governo, il nostro, che può già rivendicare misure specifiche – ha proseguito l’ex rettore dell’Università per stranieri di Perugia, riferendosi all’aumento dei fondi per la ricerca, passati dall’1,27% del all’1,31% del Pil – sembrano pochi spiccioli, ma corrispondono a un miliardo e mezzo in più in questo anno e mezzo”.
La riforma degli enti di ricerca dovrebbe condurre a una più stretta sinergia con la Presidenza del Consiglio: “La politica della ricerca la deve fare il capo del governo, non un ministro, perché si lega a un processo di reindustrializzazione del Paese”, ha spiegato Luigi Nicolais, presidente uscente del Cnr.
Una cooperazione tra enti di ricerca e Stato che, però, non dovrà escludere, ma anzi incentivare l’apporto dei privati: “Abbiamo bisogno delle stesse regole che esistono nelle altre nazioni per poter competere con loro – ha spiegato il rettoe dell’Università di Tor Vergata, Giuseppe Novelli – Quindi aprirle davvero ai capitali privati”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Renzi ammette: "Sulla Buona Scuola abbiamo fatto qualche pasticcio"

Next Article

Medicina, la maggioranza degli studenti è a favore della riduzione dei posti

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".