Francia, assorbenti gratuiti in tutte le università

Un terzo delle studentesse nel Paese ha difficoltà ad acquistare i prodotti per l’igiene intima

Assorbenti gratuiti a partire da settembre per gli studenti in Francia. Ad annunciarlo è stata la ministra per l’Insegnamento superiore e la Ricerca, Frédérique Vidal. Gli assorbenti, ha spiegato, saranno gratuiti e accessibili tramite distributori dedicati negli Atenei e nelle residenze studentesche. “Puntiamo a metterne in funzione 1.500 entro settembre”, ha affermato la ministra. La Francia si attesta così tra i paesi virtuosi come Scozia e Nuova Zelanda.

L’impegno era stato preso dal presidente Macron alla fine del 2020, anche per far fronte ai costi dovuti al difficile periodo di pandemia dove una ricerca aveva messo in evidenza che un terzo delle studentesse nel Paese aveva difficoltà ad acquistare i prodotti per l’igiene intima. Un’iniziativa che rientra nel più largo contesto di contrasto alla precarietà delle giovani universitarie, frutto del lavoro di collaborazione tra Governo, università e realtà studentesche.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Interrail, DiscoverEU riparte e raddoppia: 60mila pass per premiare i giovani più curiosi

Next Article

Agenzia Spaziale Europea: oltre 100 tirocini retribuiti 2.700 Euro

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.