Interrail, DiscoverEU riparte e raddoppia: 60mila pass per premiare i giovani più curiosi

I biglietti gratuiti in palio da ottobre per i neo 18enni serviranno a viaggiare dal marzo 2022: numero raddoppiato.

I biglietti gratuiti in palio da ottobre per i neo 18enni serviranno a viaggiare dal marzo 2022: numero raddoppiato perché potrà partecipare anche chi ha raggiunto la maggiore età nel corso del 2020

Il modo più flessibile per viaggiare in 33 paesi

Dopo lo stop forzato del 2020, DiscoverEu torna a progettare il futuro per le ragazze e i ragazzi che abbiano compiuto 18 anni a cavallo del biennio 2020-2021. Lo fa ovviamente con un raddoppio dei pass a disposizione, che da 30mila diventano 60mila. E ovviamente dando l’opportunità di scoprire i paesi dell’Unione in treno appunto anche a chi abbia raggiunto la maggiore età nel pieno della pandemia da Sars-CoV-2, cioè nell’annus horribilis dell’esplosione del Covid-19 in cui non si è tenuto alcun bando.

Nei giorni scorsi la commissaria Ue per l’innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, Mariya Gabriel, ha illustrato al Parlamento europeo gli aggiornamenti sul programma. Non solo un numero di pass raddoppiato ma anche i tempi: le selezioni dei beneficiari partiranno a ottobre e consentiranno la programmazione dei viaggi a partire da marzo 2022 e per un anno. Insomma, si potrà concretamente salire in carrozza fra un anno esatto. I pass ferroviari possono avere validità differenziata: da un solo giorno fino a un massimo di trenta e consentiranno di muoversi in solitaria oppure in un gruppo composto al massimo da cinque persone. Ovviamente non per forza connazionali: l’obiettivo è proprio scoprire le altre culture europee e lavorare su un sentimento di cittadinanza continentale sulla falsa riga di quel che ha rappresentato l’Erasmus per lo studio universitario.

Non è infatti un caso che, sempre a partire dal prossimo anno, il programma DiscoverEu sarà integrato nel programma di studio all’estero Erasmus+, e dunque amplierà il proprio bacino anche ai ragazzi provenienti da paesi extra-Ue. Dal programma pescherà anche i fondi per proseguire nei prossimi anni: il progetto iniziale prevedeva finanziamenti fino al 2027, l’integrazione sotto l’ombrello dell’Erasmus gli darà probabilmente ulteriore prospettiva. DiscoverEu, nato nel 2018, si basa sull’idea di concedere dei pass Interrail – da poco smaterializzati, come avevamo raccontato – ai giovani che compiono 18 anni, dopo una semplice candidatura in cui devono esporre itinerario (deve includere almeno un altro paese membro della Ue oltre a quello di residenza), compagnia e durata del viaggio. Ogni paese riceverà un numero di pass gratuiti in proporzione alla popolazione. E ovviamente, considerando che anche fra qualche mese saremo alle prese con l’epidemia, ai viaggiatori verrà offerta l’opportunità di prenotare in modo flessibile e un’assicurazione che copra eventuali spese aggiuntive.

L’Unione spingerà i partecipanti a scegliere destinazioni meno note dei 27 paesi membri, magari in aree un po’ meno battute, e li coinvolgerà in una serie di incontri pre-partenza e attività nelle diverse tappe che affronteranno. Insomma, il progetto si lancia ben al di là del semplice biglietto gratuito per il treno: un modo, inquadrato nel 2022 post-pandemico, per aiutare il comparto culturale e turistico dall’impatto della pandemia, aprendo nuovi percorsi. La candidatura a DiscoverEu – nato nel 2014 da una petizione e una campagna popolare – è in fondo poco più che simbolica: prevede la risposta a sei domande sulla storia e la cultura europee, che poi verranno analizzate da una commissione, individuando i vincitori fra chi avrà fornito le ragioni più convincenti per il proprio viaggio e le risposte più circostanziate.

L’iniziativa è infatti fortemente ambita. Nel biennio 2018-2019 i candidati dei quattro bandi, per un totale di 70mila pass disponibili, sono stati 350mila, il 59% dei quali studenti all’ultimo anno delle scuole superiori. L’Italia è stato uno dei paesi più attivi: quasi 10mila le richieste arrivate nel corso di quelle edizioni, per circa 3mila pass assegnati. A proposito: i beneficiari selezionati a partire dal novembre 2019 potranno usare i pass fino al prossimo 31 agosto. Chi vive sulle isole e o in aree remote del continente potrà anche utilizzare i biglietti per prendere un traghetto o, in casi eccezionali, un volo aereo per raggiungere la stazione ferroviaria di partenza.

“L’annuncio della commissaria Ue per la cultura Mariya Gabriel sul rilancio da parte dell’Unione Europea del programma DiscoverEu rappresenta un’iniezione di fiducia importante per la ripartenza di un virtuoso progetto di mobilità che punta all’inclusione e al sostegno della cultura tra i giovani, viaggiando in treno alla scoperta dell’Europa – ha affermspiegatoato l’ad di Ferrovie dello Stato,  Gianfranco Battisti – fermo restando che, a seconda dell’evoluzione degli scenari dettati dal Covid-19, la sicurezza sanitaria sarà il punto di partenza del progetto della Commissione Europea, la possibilità di tornare a valorizzare l’aspetto educativo del viaggio per le nuove generazioni potrebbe dare nuova forza al settore della cultura, duramente colpito, rafforzando sia le piccole che le grandi istituzioni culturali su tutto il territorio europeo”.

Cos’è DiscoverEU?

DiscoverEU è un’iniziativa dell’Unione europea che ti offre l’opportunità di scoprire l’Europa attraverso esperienze di apprendimento. Ti sposterai principalmente in treno (sono previste eccezioni per consentire di partecipare a coloro che vivono su isole o in zone remote), scoprendo i paesaggi mozzafiato d’Europa e la sua varietà di piccole e grandi città. Puoi partecipare alle due tornate di candidatura che si svolgono ogni anno. I candidati selezionati sono premiati con un pass di viaggio.

Se hai 18 anni e sei cittadino dell’Unione europea, DiscoverEU ti offre la possibilità di viaggiare per sfruttare appieno la libertà di circolazione nell’Unione europea, scoprire la diversità dell’Europa, apprezzarne la ricchezza culturale e la storia ed entrare in contatto con persone provenienti da tutto il continente. Inoltre, DiscoverEU ti permette di sviluppare competenze preziose per il tuo futuro, ad esempio l’indipendenza, la fiducia e l’apertura verso altre culture.

Cos’è un Pass Interrail?

Il Pass Interrail è un pass ferroviario singolo che ti consente di viaggiare quanto vuoi sulle reti ferroviarie aderenti per un determinato numero di giorni. Esistono diverse opzioni di validità tra cui scegliere, da un minimo di 4 giorni a un massimo di 3 mesi di viaggio.

Puoi utilizzare un Interrail Global Pass, valido in 33 paesi europei, o scegliere uno degli Interrail One Country Pass. La maggior parte dei nostri Pass, incluso l’Interrail Global Pass, sono ora disponibili anche come Pass mobile. Gli Interrail Pass possono essere utilizzati solo dai cittadini europei e dai residenti ufficiali in Europa. I cittadini o residenti extraeuropei possono utilizzare l’Eurail Pass.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Covid, la variante inglese colpisce i più giovani: a Milano quintuplicati i casi

Next Article

Francia, assorbenti gratuiti in tutte le università

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.