Foto in factory, un corso per imparare a scattare

L’Associazione partenopea Semmai Factory lancia un corso di fotografia a cura di Assunta D’Urzo e Neal Peruffo. Verranno esplorate le varie tecnologie e discipline fotografiche: esposizione, illuminazione, ritratto, paesaggio, fotoritocco. Ai partecipanti non è richiesta una particolare attrezzatura fotografica, ognuno utilizzerà il medium che gli è più congeniale.

corriereuniv

La fotografia come scrittura automatica del sé” è il laboratorio di fotografia proposto da Assunta D’Urzo e Neal Peruffo dell’Associazione partenopea “Semmai Factory”. Il corso si svilupperà su otto incontri settimanali presso gli spazi dell’associazione in via Salvator Rosa 241.

I partecipanti saranno invitati, laddove sussistano delle esperienze già precedentemente maturate, a munirsi di una piccola raccolta delle fotografie scattate di recente che saranno presentate durante il primo incontro.
La metodologia del confronto sarà quindi utilizzata nei giorni successivi per raggiungere una progressiva educazione all’osservazione.
Da qui si partirà per sviluppare e rendere immediatamente funzionali ad ogni partecipante, le varie tecnologie e discipline fotografiche: esposizione, illuminazione, ritratto, paesaggio, fotoritocco.

Giunti a metà circa del percorso si definirà, con i singoli, un tema personale di ricerca che porterà alla definizione di un portfolio minimo: il primo capitolo di quello che ci si augura diventi il romanzo fotografico personale di ogni neofita.

Non è richiesta una particolare attrezzatura fotografica; ogni partecipante utilizzerà il medium che gli è più congeniale.
Per info: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Palpeggia le sue alunne, prof condannato a sei anni

Next Article

Optima Italia, ottimo tirocinio?

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".