Optima Italia, ottimo tirocinio?

Schermata 2013-03-26 a 10.12.23

La multiutility nel settore delle telecomunicazioni e dell’energia cerca due neolaureati a Napoli

Competenze di economia aziendale, marketing, statistica, organizzazione aziendale, logiche di management, conoscenze informatiche (pacchetto office, outlook, internet explorer) business process analysis. Sono queste alcune delle capacità richieste per gli stage in Optima Italia. La multiutility che propone piani tariffari personalizzati per telefonia fissa aziendale, adsl, energia elettrica e gas ha bisogno, quindi, di due laureati vecchio ordinamento o laurea specialistica con titolo conseguito nell’anno 2012 in una delle seguenti discipline: ingegneria gestionale, economia, matematica, statistica.

Per gli stage nell’Area CRM e Marketing Assistant c’è bisogno di giovani con capacità relazionali, organizzative e di problem solving, piena padronanza dei sistemi informatici, predisposizione al lavoro di gruppo, orientamento al risultato ed al rispetto dei tempi, affidabilità e disponibilità alla flessibilità d’orario.

Si offrono tirocini di sei mesi a Napoli (anche se bisognerà garantire disponibilità a trasferte sul territorio nazionale), con rimborso spese da definire in base alle competenze e all’esperienza del candidato.

Per rintracciare l’offerta lanciate la ricerca dal portale di reclutamento aziendale (inserendo la parola chiave stage per facilitare la ricerca):

https://optimaitalia.hrweb.it/

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Foto in factory, un corso per imparare a scattare

Next Article

Cerchi un lavoro on-line? Ecco gli esperti

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.