E’ Milano la città che più visita Youporn

A quanto pare c’è un settore ce proprio non conosce crisi ed è il porno, specialmente via web. Proprio oggi, infatti, sono stati diffusi i dati del noto sito erotico Youporn che nel 2012 ha totalizzato più di 4,85 miliardi di visite.

youporn

A quanto pare c’è un settore ce proprio non conosce crisi ed è il porno, specialmente via web. Proprio oggi, infatti, sono stati diffusi i dati del noto sito erotico Youporn che nel 2012 ha totalizzato più di 4,85 miliardi di visite.

Ogni visita, della durata media di 10 minuti, vedi gli utenti impegnanti nella visita di circa 8 differenti pagine. I visitatori più affezionati sono negli Usa con più di un miliardo di visite all’anno, seguiti da Germania (575.514.420) e Francia (400.127.101).

Subito dopo l’Italia che però guadagna le prime due posizioni nella classifica delle città che hanno totalizzato più visite. Milano è la prima in assoluto, seguita da Roma e Parigi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli, contratto di 12 mesi nel settore biofarmaceutico

Next Article

Opportunità retribuita in Danone

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".