Coronavirus, circolare del ministero: mascherina obbligatoria anche al banco

Indossare la mascherina anche nelle primarie diventa obbligatorio. Lo chiarisce il ministero dell’Istruzione, sottolineando in una circolare che “a partire dalla scuola primaria la mascherina dovrà essere indossata sempre da chiunque sia presente a scuola durante la permanenza nei locali scolastici e nelle pertinenze anche quando gli alunni sono seduti al banco e indipdentemente dalle condizioni di distanza previste dai precedenti protocolli”.

Restrizioni più dure anche per i più piccoli insoma, in un contesto pandemico sempre più incontrollato. “Sarà possibile abbassare la mascherina per bere, durante i pasti”, si legge ancora nella nota. Non solo. Anche per specifiche attività come suonare uno strumento a fiato o fare sport si potrà togliere la protezione, secondo però indicazioni che il ministero deve ancora specificare. Ma la mascherina, soprattutto se di tipo chirurgico, dovrà essere sostituita almeno una volta durante l’orario scolastico: “Per garantire l’efficienza”.

Per quanto riguarda invece le mascherine lavabili “possono essere utilizzate [..] in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e al contempo che garantiscono confort e respirabilità, forma e aderenza adeguate e che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Orientasud vince la sfida digitale. In migliaia collegati da tutta Italia per tre giorni. Berriola: “I giovani vanno sostenuti”

Next Article

Pfizer, nostro vaccino anti-Covid efficace al 90%

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.