Contro i tagli alla scuola: ginnastica fuori la Camera

 

Sono arrivati davanti alla Camera armati di cartelloni e tappetini, intenzionati a fare una lezione di ginnastica all’aperto per protestare contro le misure sulla scuola inserite nella legge di stabilita’.

Gli studenti di una classe dell’istituto superiore IIS ‘Angelo Frammartino’ di Monterotondo, guidati dall’insegnante di educazione fisica, hanno pero’ dovuto desistere non avendo alcuna autorizzazione per l’originale manifestazione.

“Ogni volta che la politica interviene sulla scuola lo fa solo per levare e mai per dare – ha spiegato l’insegnante Paola Melone – Il corpo docente e’ stanco: il futuro della nazione si basa sull’istruzione e sulla conoscenza”.

“Stamattina volevamo trasmettere un messaggio – ha concluso – facendo lezione di educazione fisica in piazza Montecitorio, all’aperto, davanti alla Camera ma non avevamo l’autorizzazione e dunque non e’ stato possibile”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Con la crisi, boom di giovani depressi. Da sabato simposio internazionale

Next Article

A Milano, un robot che libera farmaci nel sangue contro l'aterosclerosi

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.