A Milano, un robot che libera farmaci nel sangue contro l’aterosclerosi

Robot millimetrici spinti da campi magnetici esterni, che viaggiano nel sangue come navicelle, trasportando farmaci anti-aterosclerosi da ‘sganciare’ sulla placca che rischia di tappare l’arteria. E’ una delle novita’ in vetrina a Robotica 2012, la kermesse in corso fino a domani alla Fiera di Rho.

Sul tema delle tecnologie robotiche per la chirurgia e la terapia mini-invasive, Gastone Ciuti della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, spiega:

“Per affrontare questo argomento bisogna fare una sorta di viaggio all’interno del corpo umano e dei suoi distretti anatomici, partendo da quello gastrointestinale, proseguendo con quello addominale, per concludersi con quello vascolare.

Per quanto riguarda il distretto gastrointestinale – ricorda – esistono capsule con capacita’ diagnostiche e terapeutiche, fornite di locomozione attiva e teleoperate.

Nell’ambito del distretto addominale – continua l’esperto – si possono utilizzare invece innovativi robot chirurgici minimamente invasivi, a confronto con lo standard della chirurgia laparoscopica come il robot ‘Da Vinci'”.

Sulla chirurgia del futuro interviene anche Pietro Cerveri del Politecnico di Milano: “La nuova frontiera consiste nell’entrare, con incisioni mirate e strumenti adatti, in parti del corpo umano quali la bocca o gli organi genitali.

Questa soluzione innovativa con approcci robotici si chiama ‘Notes’ ed e’ attualmente in fase di sperimentazione all’ospedale Niguarda di Milano. In questo modo sono gia’ stati affrontati 200 casi, relativi ad esempio a patologie addominali come tumori dell’apparato digerente”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contro i tagli alla scuola: ginnastica fuori la Camera

Next Article

Ingegneri, informatici e periti: nuove assunzioni in provincia

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.