Con la crisi, boom di giovani depressi. Da sabato simposio internazionale

Il congresso si aprira’ sabato alle 14.30 con i saluti delle autorita’, relazioni e una tavola rotonda. Domenica pomeriggio (dalle 15.15) interverra’ anche il farmacologo Silvio Garattini, direttore del ‘Mario Negri‘, che coordinera’ un simposio al quale partecipano esperti da Germania e Regno Unito.

Saranno discusse le difficolta’ nell’identificazione di farmaci nuovi e piu’ efficaci per il trattamento dei disturbi mentali. Qual e’ la reale efficacia degli psicofarmaci, soprattutto in rapporto agli effetti collaterali? Quali sono i loro costi? E quali strade innovative dovrebbe imboccare la ricerca di settore?

Queste alcune delle domande sul tavolo. Lunedi’ mattina – continua la nota dei promotori – rappresentanti della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’efficacia e l’efficienza del Servizio sanitario nazionale discuteranno i contenuti della relazione che ha portato alla chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari.

Nella stessa giornata si parlera’ di cura della salute mentale nei Paesi poveri, di diagnosi e terapia precoce, e di guarigione come obiettivo realistico. Martedi’, infine, interveranno noti esperti italiani come ad esempio Mario Maj, presidente della Wapr fino al 2011 e direttore del Dipartimento di psichiatria della Seconda universita’ di Napoli.

Insieme a colleghi europei e d’Oltreoceano, dipingeranno lo scenario futuro della conoscenza psichiatrica, dei servizi di salute mentale e delle condizioni di salute mentale delle persone. Chiudera’ il congresso Afzal Javed, del Servizio di salute mentale del Medical Center di Nuneaton (Gb), prossimo presidente della Wapr.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Turismo: l'hinternational group avvia master in vista di nuove assunzioni

Next Article

Contro i tagli alla scuola: ginnastica fuori la Camera

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".