Consegnato il premio della generosità

Un premio di studio destinato ad uno studente dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, residente in uno dei comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio, testimonia lo slancio di generosità che si è scatenato in tutta Italia dopo il terremoto che ha investito parte dell’Emilia Romagna, del Veneto e della Lombardia.

Un premio di studio destinato ad uno studente dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, residente in uno dei comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio, testimonia lo slancio di generosità che si è scatenato in tutta Italia dopo il terremoto che ha investito parte dell’Emilia Romagna, del Veneto e della Lombardia.

E’ infatti il senso di vicinanza alla sofferenza delle popolazioni emiliane, venete e lombarde, ma più ancora dei giovani che ha mosso la decisione del prof. Nicola Bertolucci, docente di filosofia del Liceo scientifico di Ghedi (BS) a devolvere 500,00 euro all’Ateneo emiliano per la creazione di un premio in favore di uno studente particolarmente meritevole, iscritto ad un percorso di studi di area filosofica e residente in uno dei comuni danneggiati dal sisma.

A meritare la borsa è stata la studentessa Lisa Marie Esposito, classe 1990, residente a Campogalliano e iscritta al Corso di laurea triennale in Scienze della Cultura che, grazie ai suoi 24 esami già sostenuti e una media di oltre 27/30 si è vista assegnare questo inatteso sostegno arrivatole da uno sconosciuto insegnante bresciano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fb in borsa perde 157mln

Next Article

Brescia, uso di psicofarmaci tra gli adolescenti

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"