Brescia, uso di psicofarmaci tra gli adolescenti

Dati poco incoraggianti quelli diffusi qualche giorno fa dall’associazione «Il Calabrone», cooperativa sociale a cui il Comune di Brescia ha affidato l’incarico di svolgere un’indagine sul consumo di farmaci tra gli adolescenti. Pare proprio che tranquillanti, sedativi e psicofarmaci in genere non siano proprio un mondo sconosciuto per gli under 18.

Dati poco incoraggianti quelli diffusi qualche giorno fa dall’associazione «Il Calabrone», cooperativa sociale a cui il Comune di Brescia ha affidato l’incarico di svolgere un’indagine sul consumo di farmaci tra gli adolescenti. Pare proprio che tranquillanti, sedativi e psicofarmaci in genere non siano proprio un mondo sconosciuto per gli under 18.

Un ragazzo su dieci in provincia di Brescia ha fatto uso di psicofarmaci almeno una volta. Si parla di un 10,7% per le ragazze e 7,5% per i ragazzi.

Il campione di studenti analizzato va dai 17 ai 18 anni, questi giovani hanno compilato un test anonimo che ha fatto luce su stress, disagi a scuola e mal di testa lancinanti. Il 37% dei ragazzi e il 22% delle ragazze ha dichiarato di sentirsi infelice e depresso, da qui deriva anche un consumo di alcool sempre meno controllato e in alcuni casi anche di cannabis.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Consegnato il premio della generosità

Next Article

Spending review. Fuoricorso con le spalle al muro

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.