Come ricaricare la batteria in 30 secondi: la novità dall’Università di Tel Aviv

come caricare

 

Ricaricare la batteria in soli 30 secondi? Ora si può. Dall’Università di Tel Aviv arriva il caricabatterie ultra veloce, capace di risolvere molti dei problemi legati agli smartphone.

A svilupparlo è stata la piccola start up israeliana StoreDot, spinoff del dipartimento  di nanotecnologie della Tel Aviv University.

Al primo sguardo sembra una sorta di cover da connettere direttamente al cavo della corrente. Durante la conferenza stampa di presentazione della Microsoft Think Next, l’azienda ha confermato che sono al lavoro già per altri prototipi e progetti di sviluppo per altri dispositivi simili.

Al momento le dimensioni sono quelle di un comune caricabatteria per portatili, ma l’obiettivo prioritario è ridurne le dimensioni. Il prezzo di mercato sarà circa il doppio rispetto al normale, quindi una trentina di dollari. Lo sbarco sul mercato è previsto per il 2016.

La nota curiosa è che StoreDot è una specialista dei semiconduttori a base biologica. I cosiddetti “Nanodots” sono dei mattoncini basati su componenti biologici che proprio grazie alle loro caratteristiche possono essere combinati per ottenere risultati diversi. Fra i tanti anche di velocizzare i processi di ricarica delle batterie.

 

ECCO IL VIDEO!

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, studente muore in gita: giocava al lancio dei coltelli

Next Article

Università di Padova - Insulta il professore su Youtube: escluso dagli esami per un anno

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".