Roma, studente muore in gita: giocava al lancio dei coltelli

2652165-polizia

Morire in gita a Roma, in un ostello gestito dalle suore, per il gioco del lancio dei coltelli. Tragedia questa notte a Roma dove uno studente svizzero di 16 anni è stato trovato morto. Ancora da chiarire le cause del decesso, ma di certo c’è che i giovani si trovavano in una struttura gestite da suore: alcuni ragazzi, tra cui Jonathan L., pare stessero giocando al lancio dei coltelli.

Ad uccidere il ragazzo, quindi, sarebbe stato proprio un coltello lanciato male, che lo avrebbe trafitto. La struttura in questione è la Domus Nascimbeni, che si trova in via Torre Rossa, ed è gestita dalla comunità religiosa delle “Piccole Suore della Sacra Famiglia”, in zona Aurelio.

Sul posto sono giunti i sanitari del 188, ma era già troppo tardi. Sul caso indaga la squadra mobile di Roma, che sta cercando di accertare l’esatta dinamica dei fatti. Non è la prima volta che accadono episodi simili: a marzo era toccato a uno studente americano, ancora in viaggio nella capitale, che era stato trovato morto investito da un treno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli studenti bocciano i quiz: "Solo domande trabocchetto"

Next Article

Come ricaricare la batteria in 30 secondi: la novità dall'Università di Tel Aviv

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".