Come cambiano le mense scolastiche post-lockdown: “Menù semplificati, ma con meno varietà. E si inquina di più”

Mangiare a scuola dopo il lockdown cambia. Si semplificano i menù e le ricette si appiattiscono su paste in bianco, al pomodoro o al pesto e pizze. Scompaiono minestre e brodi e le polpette diventano bocconcini. I cambiamenti sono anche di altra natura e non sono tutti negativi. È quanto emerge da Foodinsider, osservatorio delle mense scolastiche che, in collaborazione con Slow Food Italia, ha presentato il 5° Rating dei menù scolastici e un’indagine sulla mensa post lockdown. In effetti, il sistema della ristorazione scolastica italiana ha subito cambiamenti a causa del Covid-19, sia in termini organizzativi (e quindi di costi, spreco e impatto ambientale) che di equilibrio nutrizionale. “Se fino a febbraio scorso si registravano moderati sforzi verso menù più sani e sostenibili – spiega Slow Food – in un quadro complessivo in cui a farla da padrone erano comunque proteine animali e carboidrati, la mensa post lockdown ha semplificato la propria offerta appiattendosi intorno a pasta e pizza”.

Per quanto riguarda lo scorso anno scolastico, l’indagine ha fotografato la situazione fino a febbraio, valutando l’equilibrio e l’impatto sull’ambiente di una cinquantina di menù scolastici, rappresentativi di circa il 28% circa del panorama della ristorazione scolastica a livello nazionale. Uno sforzo per rendere i menù più sostenibili e sani emerge da un timido incremento dei piatti a base di legumi e dalla scelta, solo di alcuni Comuni, di ridurre la carne rossa ancora dominante. Più del 75% dei menù analizzati propone con maggiore frequenza carne rossa rispetto alla carne bianca, in contrasto con le raccomandazioni dell’Oms che indicano di ridurne il consumo. Tra i Comuni virtuosi spicca ancora Cremona, con due opzioni di scelta e ricette sane, seguita da FanoJesiTrentoRiminiBergamo e Mantova. L’organizzazione della mensa “è una scelta strategica, una scelta che definirei politica e che dipende dalla cultura e dalla visione degli organi decisionali”, ha commentato durante la presentazione la vice presidente della Commissione Ambiente della Camera, Rossella Muroni.

I risultati dell’indagine sono stati sottoposti all’attenzione di due esperti, il medico ed epidemiologo Franco Berrino e lo scienziato e biogerontologo Valter Longo. Critica la posizione di Longo verso lo standard nei menù scolastici italiani “troppo ricchi di proteine e di carboidrati come pasta, riso, pizza, gnocchi e lasagne, che si trasformano in amidi e quindi zuccheri”, due condizioni “che sono tra le principali cause di obesità e sovrappeso”. Per Franco Berrino è necessario smontare le cucine industriali ed eliminare i cibi processati, “per tornare a cucinare all’interno delle scuole proponendo piatti in linea con le indicazioni del World Cancer Research Fund e le Raccomandazioni dell’Oms”.

La regola è più igieneareazione e distanziamento che impone più turni in mensa e, laddove il refettorio è stato requisito per la didattica, si mangia in classe. Per lo più convivono sistemi ibridi con consumo del pasto sia in refettorio che in classe, con rapporti inversi a seconda del modello organizzativo di ciascun Comune: a Trento il 12% mangia in classe e l’88% in refettorio, mentre a Rimini è l’inverso. lcuni refettori si sono dotati di plexiglass per separare le classi. L’appiattimento dei menù sembra essersi reso necessario perché l’aumento dei turni in mensa, anticipati anche prima di mezzogiorno, riduce il tempo per cucinare, così come servire i brodi ai bambini che mangiano nelle classi è più complicato. “In epoca di pandemia le cucine e i cuochi stanno alla mensa scolastica come gli ospedali e i bravi medici stanno al Covid”, sostiene Claudia Paltrinieri, direttrice di Foodinsider secondo cui l’indagine “dimostra che più sono diffuse le cucine sul territorio, più i cuochi sono formati e più è facile ‘curare’ l’alimentazione dei bambini che, in attesa di vaccini, è tra le migliori armi che abbiamo per proteggere la salute dei nostri figli”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Da Nord a Sud, le migliori scuole superiori secondo Eduscopio

Next Article

Lush Prize 2020, Italia brilla nella categoria Giovani Ricercatori

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.