Cecchi Paone: in Juve Napoli due gay in campo

Alessandro Cecchi Paone continua a deliziarci con le sue rivelazioni sull’omosessualità altrui. Come se le polemiche con la Nazionale non fossero bastate eccolo ripartire all’attacco contro le formazioni in campo sabato 20 ottobre, Juve e Napoli. Intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli, lo showman ha dichiarato: “Ci sono gay in tutti i campi della vita normale e quindi ci sono anche in campo, e sono anche i più bravi”

Alessandro Cecchi Paone continua a deliziarci con le sue rivelazioni sull’omosessualità altrui. Come se le polemiche con la Nazionale non fossero bastate e come se tutti ce ne andassimo in giro sbandierando il nostro orientamento sessuale, eccolo ripartire all’attacco contro le formazioni in campo sabato 20 ottobre, Juve e Napoli. Intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli, lo showman ha dichiarato: “Ci sono gay in tutti i campi della vita normale e quindi ci sono anche in campo, e sono anche i più bravi, ma non perchè ci sia qualcosa in più ma perchè tutta la capacità di nascondersi crea un lavorio particolare fatto per nascondersi e questo crea una tenuta psicologica e fisica pagata a caro prezzo ma che spesso li trasforma in campioni molto più resistenti degli altri. In Juventus-Napoli ci saranno almeno due giocatori gay in campo, ma mi riferisco in generale allo schieramento potenziale, non ai soli titolari”.

“Basta calcolare che per un fattore statistico uno su dieci è omosessuale e quindi in tutti i raggruppamenti umani almeno uno su dieci è gay – ha continuato Cecchi Paone – comunque ora abbiamo Prandelli che ha detto che ci sono stati e ci saranno omosessuali in questo mondo. Marchisio si è esposto ed ha detto che è favorevole ai matrimoni gay. Quindi anche nel mondo del calcio i tempi sono maturi per una svolta a livello di mentalità”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lavorare all'estero

Next Article

Tor Vergata: allarme università

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".