Calendario scolastico, due ipotesi: scuola anche a luglio o turni pomeridiani durante l’anno

La scuola è tra le priorità del premier incaricato Mario Draghi. Secondo quanto segnala il Sole 24 Ore, in un focus pubblicato sul proprio sito, sono due le urgenze per il settore della scuola.

La scuola è tra le priorità del premier incaricato Mario Draghi.  Secondo quanto segnala il Sole 24 Ore, in un focus pubblicato sul proprio sito, sono due le urgenze per il settore della scuola.

La prima è evitare le cattedre vacanti a settembre, da coprire, di volta in volta, con supplenti (che poi cambiano dopo poche settimane), l’altra è di rivedere il calendario delle lezioni per recuperare i giorni di scuola persi durante questi mesi.

Sul calendario scolastico, in particolare, sono due le opzioni: la prima è quella di prevedere una chiusura d’anno più lunga, fine giugno o anche luglio. La seconda, invece è quella di inserire turni pomeridiani in corso d’anno. Tutte opzioni, come abbiamo già riportato nelle scorse ore, osteggiate da sindacati e da una buona fetta degli insegnanti. La decisione, lo ricordiamo, spetta alle singole Regioni.

Sul recupero del gap formativo si era iniziato a muovere anche l’esecutivo Conte 2, con circa 300 milioni di euro richiesti da Lucia Azzolina nel decreto Ristori V, per adesso fermo.

Leggi anche:

Azzolina: “Scuola e famiglie unite per contrastare il cyberbullismo”

Titoli valutabili graduatorie ATA terza fascia

Dante, per la prima volta in tv tutti i Canti della Commedia

Vaccino Covid-19, con AstraZeneca priorità per il personale della scuola. Il quadro aggiornato regione per regione

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Cagliari, ateneo sostenibile

Next Article

Concorsi Ministero della Salute 2021 per 180 assunzioni

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.