Università di Cagliari, ateneo sostenibile

Università di Cagliari e Regione Sardegna hanno firmato un accordo di collaborazione per individuare azioni comuni per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030

Università di Cagliari e Regione Sardegna hanno firmato un accordo di collaborazione per individuare azioni comuni per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030

Maria Del Zompo, rettore dell’Università di Cagliari,ha firmato un accordo di collaborazione con la Regione Autonoma della Sardegna per individuare piani e programmi comuni per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda Onu 2030 e fornire il supporto scientifico necessario a elaborare la Strategia regionale per lo Sviluppo sostenibile (SrSvs).

La firma dell’accordo conferma l’impegno per lo sviluppo sostenibile che l’Università di Cagliari ha avviato da tempo nella didattica, nella ricerca e nella terza missione. «Sono convinta che questa sia l’unica strada percorribile per garantire uno sviluppo alla nostra società», ha dichiarato Maria Del Zompo. «Da due anni il Piano Strategico dell’Università di Cagliari fa esplicito riferimento allo sviluppo sostenibile. Abbiamo gruppi di lavoro che studiano e operano in questo senso: puntiamo in maniera sempre più decisa alla formazione su questi argomenti. L’accordo quadro di oggi fa sinergia, e la sinergia non è mai una semplice addizione: mettersi insieme è sempre vincente». 

L’Università di Cagliari ha recentemente premiato i vincitori del contest “UniCa per lo sviluppo sostenibile”, riservato a studenti e studentesse dell’Ateneo che hanno prodotto articoli giornalistici e video valutati da una giuria di esperti sui temi Acqua pulita e servizi igienico-sanitari, Energia pulita e accessibile, Riduzione delle disuguaglianze Lotta contro il cambiamento climatico. Il concorso è stato il punto di arrivo di un percorso multidisciplinare e attivo che ha coinvolto gli allievi nella conoscenza degli Obiettivi dell’Agenda 2030.

L’adesione alla Rete delle Università Sostenibili

Dal 2016 l’Università di Cagliari ha aderito alla Rete delle Università Sostenibili (Rus), primo network nazionale tra istituzioni universitarie pubbliche e private impegnate sui temi della sostenibilità ambientale e della responsabilità sociale. Alla Rus, promossa nel 2015 dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (Crui) aderiscono 78 atenei. L’obiettivo principale della Rete è diffondere cultura e buone pratiche di sostenibilità, sia all’interno che all’esterno degli atenei (a livello urbano, regionale, nazionale, internazionale), per incrementare gli impatti positivi in termini ambientali, etici, sociali ed economici delle azioni poste in essere dagli aderenti alla Rete e contribuire al raggiungimento degli SDGs.

Con questa collaborazione, Regione e Ateneo intendono arrivare a un piano per lo sviluppo sostenibile a cui l’Università di Cagliari lavora dal 2016, impegnandosi a promuovere e attuare progetti utili a raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030. Come ha precisato Italo Meloni, referente dell’Ateneo nella Rete per le Università Sostenibili (RUS), «nel ranking internazionale Greenmetric(il criterio di valutazione si basa sulle quattro E: environment, economics, equity, educationsiamo al 300° posto su oltre 900 atenei in tutto il mondo. Abbiamo fatto il primo passo verso il Report annuale sulla sostenibilità e abbiamo avviato la prima Scuola di dottorato nazionale in Sviluppo Sostenibile e Cambiamento climatico, istituita presso l’ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca)». 

rinnovabili.it

Leggi anche:

Cinque lauree in 4 mesi, storia di Giulio: “Il mio sogno è combattere le malattie neurodegenerative”

A lezione col morto, l’ultima frontiera del risparmio nel mondo accademico

Rigenerazione ossea, la migliore tesi di ricerca nel settore dell’Healthcare salentino

Nasce AteneiOnline la piattaforma digitale per scegliere l’università telematica

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

ESA: lavoro per astronauti, dopo 11 anni riaprono le selezioni

Next Article

Calendario scolastico, due ipotesi: scuola anche a luglio o turni pomeridiani durante l’anno

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.