Cacciatori di asteroidi cercasi: la NASA bandisce un concorso con 35 mila dollari in palio

CACCIATORI DI ASTEROIDI CONCORSO NASA

Cacciatori di asteroidi cercasi – La NASA ha bandito un concorso per trovare i migliori programmatori capaci di sviluppare sistemi di individuazione di asteroidi che potrebbero causare danni catastrofici al nostro Pianeta. La somma in palio è di 35 mila dollari (poco più di 25 mila euro).

Per vincere il contest, occorre creare un sistema che sia capace di aumentare il raggio di individuazione di oggetti celesti dei telescopi con base terrestre, che possa ridurre il numero di falsi positivi e che sia installabile sul maggior numero di sistemi informatici possibile.

“Proteggere la Terra dalla minaccia di impatto con gli asteroidi significa, anzitutto, sapere dove questi si trovino – ha commentato Jenn Gustetic, executive del programma – Aprendo al pubblico la ricerca degli asteroidi, stiamo sfruttando il potenziale di innovatori e cittadini per rissolvere questa sfida globale”.

Attualmente, l’attività di rintracciamento degli asteroidi riesce a tracciare solo l’1% dei corpi celesti che orbitano intorno al Sole. Per questo il coinvolgimento degli appassionati di scienza potrebbe risultare essenziale. Recentemente, ad esempio, la piattaforma Zooniverse è riuscita a coinvolgere 1 milione di volontari nei suoi diversi progetti di ricerca.

“I computer non hanno curiosità – ha affermato il team di Zooniverse ai microfoni della BBC – La gente, spesso, scova nei dati quello che i computer non trovano.

Cosa state aspettando, allora? Imbracciate il vostro telescopio e accendete i computer: la caccia è aperta (e ben remunerata).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola: se proponessimo un referendum per gli insegnanti?

Next Article

Edilizia scolastica, gli studenti non ci stanno: "I soldi non bastano, bisogna fare di più"

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.